I risultati: Analisi Fattoriale

I risultati: Analisi Fattoriale

Le analisi dei dati di seguito riportate sono state tutte condotte tramite l’utilizzo del programma SPSS.

Analisi fattoriale

Per quanto riguarda gli item con scala Likert, quindi la maggioranza del nostro questionario, abbiamo condotto un’analisi fattoriale con metodo delle componenti principali per ciascuna delle 8 dimensioni illustrate nel questionario. I risultati hanno quasi sempre confermato la presenza di un unico fattore come ipotizzato, tranne nel caso della dimensione relativa, in generale, alla qualità dell’esperienza lavorativa degli individui, in questo caso dall’analisi sono infatti emersi 3 fattori.

Ambiente di lavoro. Per quanto riguarda la dimensione relativa alla qualità dell’ambiente di lavoro, dall’analisi fattoriale è emersa la presenza di un unico fattore – Ambiente di Lavoro (LA). Tale fattore spiega il 42% della varianza totale e risulta composto dagli 11 item illustrati nella descrizione dello strumento (paragrafo 3.1.1.1). L’Alfa di Cronbach è risultata molto buona (? = .854). Il punteggio medio si può considerare medio-alto (M = 3.46, SD = .07).

                                    Tabella 1. Matrice dei pesi fattoriali (LA)

13LA confortevole 0,79
16LA materiale 0,79
15LA strumenti 0,69
21LA caos -0,68
14 LA pulizia 0,67
19LA illuminazione 0,65
18LA spazio colleghi 0,62
17LA sedia 0,59
22LA aria viziata -0,59
23LA silenzioso 0,52
20LA caldo\freddo -0,49

 

Personalizzazione dello spazio. L’analisi fattoriale per questa dimensione ha rivelato la presenza di un unico fattore – Personalizzazione dello Spazio (LP). Esso spiega il 48% della varianza totale. Il fattore è composto dai 6 item precedentemente illustrati (nel paragrafo 3.1.1.2). Il valore dell’Alfa di Cronbach si può considerare rispettabile (? = .769). La media dei punteggi si colloca in posizione medio-alta (M = 3.50, SD = .08).

 

                                   Tabella 2. Matrice dei pesi fattoriali (LP)

34LP adatta a me 0,87
32LP mi rappresenta 0,86
36LP oggetti personali 0,64
31LP mia 0,61
33LP anonimo -0,61
35LP azioni 0,46

 

Motivazioni. Rispetto alla dimensione relativa alle motivazioni della personalizzazione, dall’analisi fattoriale è emersa la presenza di un unico fattore  – Motivazioni (LM). Tale fattore spiega il 48% della varianza totale, risulta composto dai 7 item precedentemente illustrati (paragrafo 3.1.1.2). Il valore dell’Alfa di Cronbach si può considerare buono (? = .814). In questo caso la media dei punteggi si colloca in posizione centrale (M = 3.25, SD = .08).

 

                                    Tabella 3. Matrice dei pesi fattoriali (LM)

39LM mostrare lo status 0,81
41LM regolare le interazioni 0,76
38LM appartiene a me 0,72
37LM identità e individualità 0,72
42LM atmosfera familiare 0,64
40LM motivi estetici 0,60
43LM motivi pratici 0,55

 

Commitment organizzativo. Per questa dimensione l’analisi fattoriale ha evidenziato la presenza di un unico fattore – Commitment organizzativo (LC) –, in grado di spiegare il 63% della varianza totale. Tale fattore risulta composto dai 7 item illustrati nel paragrafo 3.1.1.3. Il valore dell’Alfa di Cronbach è molto buono (? = .897). La media dei punteggi risulta medio-alta (M = 3.65, SD = .09).

 

                                   Tabella 4. Matrice dei pesi fattoriali (LC)

49LC fiero\a 0,90
45LC immagine positiva 0,87
48LC affezionato\a 0,86
47LC sacrificare tempo 0,78
46LC scelta non necessità 0,72
50LC valore 0,71
44LC raccomanderei 0,69

 

Prospettiva futura. Riguardo la dimensione relativa alla volontà di rimanere all’ interno dell’organizzazione nel tempo, abbiamo ottenuto un unico fattore – Prospettiva Futura (LF). Tale fattore spiega il 53% della varianza totale e risulta composto dai 4 item illustrati nel paragrafo 3.1.1.3. Il valore dell’Alfa di Cronbach è un po’ basso ma possiamo ancora ritenerlo accettabile (? = .686).

Anche in questo caso la media dei punteggi si colloca in posizione centrale (M = 3.20, SD = .94).

 

                                   Tabella 5. Matrice dei pesi fattoriali (LF)

53LF desidero rimanere 0,89
 54LF non esiterei a lasciare l’organizzazione -0,79
52LF futuro nell’organizzazione 0,74
51LF resto perché non ho altra scelta -0,45

 

Qualità dell’esperienza lavorativa. Per quanto riguarda i 19 item di cui si è parlato nel paragrafo 3.1.1.4, l’analisi fattoriale ha evidenziato la presenza di 3 fattori. Le componenti con autovalore maggiore di uno sono risultate 6, tuttavia, osservando il grafico scree plot, si può notare che si distinguono 3 fattori più rilevanti.

 

                            Grafico 1. Screen plot qualità dell’esperienza lavorativa

Osservando la matrice dei pesi fattoriali ruotati (Tabella 6) possiamo notare come gli item 77 (“Riesco a gestire piuttosto bene l’equilibrio fra vita lavorativa e vita privata”) e 78 (“Quando si presentano delle difficoltà nel lavoro non mi faccio prendere dal panico ma so che con l’impegno riuscirò a venirne fuori” ) non abbiano un saturazione rilevante (<.40) in nessuno dei 3 fattori, per questo sono stati eliminati. L’item 60 (“l’edificio dentro è quale lavoro è ben strutturato ed organizzato”) mostra una doppia saturazione, tuttavia poiché satura maggiormente il fattore 2 è stato considerato parte di quest’ultimo. Lo stesso discorso vale per l’item 76 (“mi sento parte attiva all’interno dell’organizzazione”), anche in questo caso è stato considerato parte del fattore 2. Infine, per quanto riguarda l’item 61 (“il luogo in cui lavoro è sempre ben pulito”), poiché ha saturazione identica sia per il fattore 2 che per il fattore 3, è stato eliminato.

 

             Tabella 6. Matrice dei pesi fattoriali dopo rotazione con metodo Varimax

      Componente  
1   2 3
68LB ritmo   0,83    
72LB pianificare   0,76    
67LB autonomo   0,70    
74LB compiti   0,65    
75LBresponsabilità   0,57    
78LB panico        
77LB equilibrio        
66LB carriera     0,74  
62LB arredamento     0,67  
63LB contenuti     0,63  
60LB strutturato     0,61 -0,43
71LB ripetitivo     -0,60  
65LB retribuzione     0,54  
76LB parte attiva   0,41 0,54  
69LB tempi irreali       0,78
73LB di corsa       0,74
64LB caotico       0,73
70LB impegnativo       0,69
61LB pulito     0,47 -0,47

 

                                     Tabella 7. Varianza spiegata dai 3 fattori

% varianza

Fattore 1                                     25

Fattore 2                                     15

Fattore 3                                     10

Tot: 50%       

 

  • fattore 1. Considerando il contenuto degli item, potremmo definire questo fattore come “gestione autonoma del proprio lavoro” –

Autonomia (LAu) –  (tabella 8).

Tabella 8. Fattore 1 (LAu)

Fattore 1 M = 3.41, SD = .08
Item “sono io a decidere con quale ritmo lavorare”, “generalmente posso pianificare ed organizzare il mio lavoro”, “nel mio lavoro sono completamente autonomo”, “posso scegliere io i compiti di cui occuparmi”, “mi sono ben chiari quali sono i miei doveri e le mie responsabilità”
? di Cronbach .762

 

  • Fattore 2. Potremmo definire questo fattore come il grado di soddisfazione dei partecipanti sia a livello di ambiente fisico che, soprattutto, rispetto alle condizioni di lavoro – Soddisfazione Ambiente e Condizioni di Lavoro (LB) – (tabella 9).

Tabella 9. Fattore 2 (LB)

Fattore 2 M = 3.24, SD = .08
Item “l’organizzazione per cui lavoro offre buone opportunità di carriera”, “l’edificio dentro al quale lavoro è ben strutturato ed organizzato”, “all’interno dell’azienda gli arredamenti sono nuovi ed in ottime condizioni”, “trovo i contenuti del mio lavoro sempre interessanti e piacevoli”, “la retribuzione è adeguata al carico di lavoro assegnatomi”, “il lavoro che svolgo è spesso ripetitivo e monotono”, “mi sento parte attiva all’interno dell’organizzazione”
? di Cronbach .772

 

  • Fattore 3. Considerando il contenuto degli item, possiamo definire questo fattore come “eccessivo carico di lavoro” – Carico Eccessivo

(LE) – (tabella 10).

Tabella 10. Fattore 3 (LE)

Fattore 3 M = 2.74, SD = .09
Item “spesso mi vengono assegnati compiti da svolgere in tempi irrealistici”, “il luogo in cui lavoro è sempre molto caotico”, “il carico di lavoro assegnatomi risulta assolutamente troppo impegnativo per me”, “spesso mi capita di dover fare le cose di corsa e con indicazioni poco chiare”
? di Cronbach .791

 

 

Relazioni colleghi e superiori. Per quanto riguarda le relazioni con colleghi e superiori, dall’analisi fattoriale è emerso un unico fattore – Relazioni (LR). Tale fattore spiega il 63% della varianza totale e risulta composto dai 5 item illustrati nel paragrafo 3.1.1.4. L’Alfa di Cronbach, è risultata buona (? = .850). Anche in questo caso il punteggio medio risulta medio-alto (M = 3.78, SD = .08)

 

                                   Tabella 11. Matrice dei pesi fattoriali (LR)

56LR fiducia 0,84
57LR aiuto reciproco 0,84
55LR relazioni positive 0,81
59LR interazioni positive con superiori 0,77
58LR stima per i superiori 0,71

 

Soddisfazione. Per la dimensione riguardante la soddisfazione, l’analisi fattoriale ha evidenziato un unico fattore – Soddisfazione (LS) –, che spiega il 56% della varianza totale. Tale fattore risulta composto dai 10 item precedentemente illustrati (paragrafo 3.1.1.5). Il valore dell’Alfa di Cronbach è risultato molto buono (? = .899). La media dei punteggi è risultata abbastanza alta in questo caso (M = 4.83, SD = 1.2).

                                   Tabella 12. Matrice dei pesi fattoriali (LS)

101LS lavoro 0,87
97L S realizzato\a 0,85
93L S giornata lavorativa 0,84
94L S spazio di lavoro 0,81
96L S organizzazione 0,81
95L S ambiente fisico 0,77
100L S vita 0,76
102L S lavoro è ciò che volevo fare nella vita 0,61
98L S area urbana 0,57
99L S distanza casa\lavoro 0,45

 


©  La personalizzazione del proprio spazio: una ricerca in ambito lavorativo – Dott.ssa Martina Mancinelli