La sindrome dell’impostore

La sindrome dell’impostore è ciò che ci mette i bastoni tra le ruote.

 

La sindrome dell’impostore, quella sensazione che forse anche chi sta leggendo ha, che i successi siano arrivati per sbaglio, che non si siano davvero meritati e che qualcun* potrebbe scoprirlo in ogni momento e smascherarci.

Il lavoro pionieristico che ha scoperto la sindrome dell’impostore è quello delle studiose Pauline Clance e Suzanne Imes che, nel loro pionieristico lavoro di analisi di 250 donne con eccelsi risultati accademici erano convinte che i risultati fossero arrivati per un errore, uno sbaglio della commissione.

Questo lavoro parla di donne e della difficoltà che esse hanno nel raggiungere determinati risultati. Donne che raggiungono voti eccelsi, standard di formazione e training elevatissimi, ma che continuano a credere che ci sia stato un errore, che loro non meritino i risultati che hanno ottenuto.

Negli studi originali viene riportata la situazione di una delle donne prese in carico che, arrivata alla discussione di tesi di dottorato, era finalmente sollevata del fatto che avrebbe fallito e avrebbe smesso di essere “un’impostora”, dopo tutti quegli anni in cui era evidente che era lì senza meritarselo.

Deaux (1976) esplora per prima la presenza della sindrome dell’impostore in donne e uomini e nota, con grande meraviglia, varie cose:

  1. le donne hanno internalizzato perfettamente lo stereotipo per il quale non possono raggiungere determinati risultati eccelsi quanto gli uomini;
  2. mentre gli uomini attribuiscono il loro successo a delle capacità interne e abilità le donne lo attribuiscono a un caso fortuito, a un errore della commissione che le sta giudicando, sentendosi impostore;
  3. il fallimento per gli uomini viene vissuto come causato da una situazione esterna (un compito troppo difficile, troppo poco tempo) mentre per le donne viene visto come una mancanza di qualità e caratteristiche interne (non sono abbastanza intelligente, non sono sufficientemente preparata);
  4. nonostante i ripetuti successi la donna rimane comunque convinta che i traguardi che ha raggiunto non siano farina del suo sacco e che prima o poi la scopriranno per quello che è.

Le studiose sono andate ad analizzare le differenti tipologie di famiglie in cui le donne sono cresciute e in cui è germinata la sindrome dell’impostore. Sostanzialmente ne hanno trovate di due tipologie. La prima famiglia in cui la persona più intelligente tra fratelli e sorelle non era lei ma sempre qualcun altro che, in realtà, aveva sempre successi e riconoscimenti minori dei suoi. La seconda in cui lei stessa era la persona più intelligente, capace, bella di tutte le altre, i cui genitori dicevano che sarebbe riuscita a raggiungere qualunque cosa, così alla prima cosa non raggiunta sono crollate.

I differenti tipi di esperienze familiari portano allo stesso risultato, con la differenza che nel primo caso nelle donne rimane comunque la voglia di riuscire a farcela, nonostante sappiano che non sono mai abbastanza per il loro obiettivo. Nel secondo caso, invece, le donne si sentiranno sempre non in grado di farlo e sempre sull’orlo del tracollo e di essere scoperte.

La sindrome dell’impostore è un problema solo femminile?

La risposta è: no!

Da delle review che raggruppano tutti gli studi che trattano l’argomento (a prescindere dallo strumento utilizzato per misurarlo e dall’età del campione preso in considerazione) hanno trovato dei punti molto interessanti che dobbiamo assolutamente tenere a mente.

Innanzi tutto la sindrome dell’impostore si può trovare trasversalmente sia negli uomini che nelle donne, in quasi egual misura. La sindrome dell’impostore si presenta solo in tempistiche e in modi differenti per gli uni e per gli altri, ma li affligge allo stesso modo.

Un particolare interessante emerso da questi studi è che la sindrome affligge maggiormente le minoranze etniche.

Da dove nasce il fenomeno della sindrome dell’impostore.

La sindrome radicata all’interno delle nostre culture in modo profondo e che iniziamo a internalizzare all’incirca intorno ai 7/10 anni d’età.

E’ quello il momento in cui viene insegnato che ruolo abbiamo nella nostra società, in cui impariamo che cosa deve fare una donna e che cosa deve fare un uomo, in cui apprendiamo che chi è diverso da noi deve essere trattato in modo diverso.

Le disparità si radicano dentro di noi e ci insegnano che dobbiamo avvicinarci ad uno standard culturale che ci viene imposto altrimenti non saremo mai dei veri uomini e delle vere donne.

Ad esempio Margaret Mead (1947) osserva che una donna di successo e indipendente è vista come “una forza ostile e pericolosa all’interno della società”. Gli studi di Martina Horner’s (1972) che supportano i risultati e le osservazione di Margaret Mead, vedono il fatto che i successo per una donna sia fonte di paura e disagio. I suoi studi suggeriscono che, spesso, per paura di essere rigettate dalla società ed essere considerate meno femminili, non ci provano neanche.

Gli uomini, probabilmente, si trovano ad affrontare il risvolto dello stesso stereotipo. Laddove è l’uomo che deve portare avanti la cultura patriarcale, essere sempre infallibile e non mostrare alcun segno di cedimento è evidente che, al primo inevitabile scricchiolio che a tutti accade nelle vite, inizia ad instillarsi il dubbio di non avere le qualità per essere nel punto in cui si è.

Un problema culturale radicato in molte persone che si trovano ad essere convinte di non meritare quello che hanno e che, un giorno o l’altro, verranno scoperte da chi en sa più di loro. Due lati dello stesso problema, seppur in forme differenti, che si ripercuote sulle vite delle persone.

Allo stesso modo le minoranze etniche hanno lo stesso problema. Esse, infatti si vedono in base allo stereotipo della stessa minoranza, che non può rivestire determinate posizioni di rilievo o ottenere dei risultati importanti.

Quali sono i sintomi della sindrome dell’impostore?

Questa sindrome causa una serie di sintomatologie che a lungo andare posso portare a situazioni gravi come il burnout.

C’è un alto tasso di comorbidità con depressione, ansia, una bassa stima di sé stessi, sintomi somatici e disfunzione sociale. Negli studi ce hanno coinvolto gli studenti universitari c’era un alto tasso di persone con pensieri suicidari o con degli effettivi tentativi precedenti di suicidio.

Anche lo stesso burnout porta con sé tutta una serie di problematiche e sintomatologie molto gravi.

Bisogna quindi stare molto attenti perché questa sindrome strisciante e dilagante, che affligge tutte le persone all’interno di una società è pericolosa.

Che cosa fare in caso di sindrome dell’impostore?

Far emergere questa sindrome non è facile anche nei confronti di noi stessi. Ammettere che crediamo che i nostri risultati non siano merito nostro è qualcosa di complicato da raggiungere, figuriamoci dirlo anche a qualcun altro.

Il sapere che, in qualche modo, siamo tutti sulla “stessa barca” dovrebbe aiutare a smorzare la tensione. Serve a vedere nell’altra persona non più un competitor ma qualcun* che nel profondo può capirci e vive le stesse cose che viviamo noi.

Andare a parlare con un* psicolog* è un passaggio fondamentale per andare alla radice della sindrome, per riuscire a sbarazzarsene una volta per tutte.

Un modo molto utile con cui si può agire all’interno delle aziende è creare dei gruppi di confronto. Qui le persone si possano parlare liberamente e condividere le proprie difficoltà lavorative e parlare della sindrome stessa. Il sapere che anche le altre persone la vivono come te è rincuorante, permette di non sentirsi soli e isolati come invece accade per la sindrome.

La sindrome dell’impostore fa parte di quello che in PNL chiameremmo ‘credenza limitante’, una credenza profondamente radicata in noi che non ci permette di crescere e di goderci la nostra vita. E’ una situazione che può non solo impedirci di raggiugnere il nostro risultato e obiettivo ma anche che, una volta raggiunto, ci impedisce di goderne i frutti. Chi ne soffre non prova quel senso di ‘scopo nella vita’ che dovremmo invece riuscire a raggiungere.

Il primo passo è renderci conto che la sindrome esiste, anche se non ha ancora una voce a sé stante in nessun manuale diagnostico. Prendere consapevolezza che potremmo averla anche noi e chiedere aiuto parlandone con qualcuno e un professionista sono le tappe obbligate per riuscire a raggiungere i nostri obiettivi.

 

Bibliography:

  1. Levy, N. (2022). Impostor syndrome and pretense. Inquiry, 1-16.
  2. Chakrabarti, A., & Finkelstein, L. M. (2022). Are All High-Potentials Successful Leaders? Exploring the Underlying Effect of Impostor Syndrome and Evaluative Concerns on the Relationship Between HiPo Designation and Leadership Self-Efficacy. 
  3. Hook, G. (2022). It’s NOT Luck: Mature-Aged Female Students Negotiating Misogyny and the ‘imposter Syndrome’in Higher Education. In The Palgrave Handbook of Imposter Syndrome in Higher Education (pp. 465-480). Palgrave Macmillan, Cham.
  4. Clance, P. R., & Imes, S. A. (1978). The imposter phenomenon in high achieving women: Dynamics and therapeutic intervention. Psychotherapy: Theory, Research & Practice, 15(3), 241–247. https://doi.org/10.1037/h0086006
  5. Bravata, D.M., Watts, S.A., Keefer, A.L. et al. Prevalence, Predictors, and Treatment of Impostor Syndrome: a Systematic Review. J GEN INTERN MED 35, 1252–1275 (2020). https://doi.org/10.1007/s11606-019-05364-1
Consulenza Manageriale

Nuovo Servizio di Consulenza Manageriale

Consulenza manageriale, un nuovo servizio!

Il nostro studio di consuelnza e il nuovo studio di professionisti si fondono per dar eun servizio a tutto tondo alle realtà clienti.

Offriamo consulenza per progetti, l’idee o la realtà aziendali consolidate. Affianchiamo la persona nella pianificazione e una strutturazione precisa e puntuale del progetto.

Siamo in grado di individuare i punti su cui possono essere fatti miglioramenti potenziando, parallelamente, le risorse e le strategie.

Attraverso la nostra consulenza e la creazione dei piani d’azione stabiliti lavoriamo per ristrutturare la realtà al fine di renderla maggiormente orientata ai propri obiettivi e alla cura del capitale umano.

Per fare questo ci muoviamo su una rosa di interventi di consulenza differenti:
  • Strategia e Sviluppo : creazione di impresa, project management, business planning, pianificazione strategica, internazionalizzazione.
  • Marketing & Branding : consulenza e studio del brand building & identity, posizionamento/riposizionamento sul mercato, strategia di comunicazione e web/social marketing.
  • Rete Commerciale e Distributiva: organizzazione, dimensionamento e assessment della forza di vendita, revisione dei modelli di gestione dei processi e degli strumenti di vendita, assessment & sviluppo network distributivi.
  • Amministrazione e Controllo Gestione: consulenza sui sistemi di controllo e reporting direzionale, sviluppo dei processi di budgeting, forecasting e pianificazione, pianificazione finanziaria a breve-medio termine e ottimizzazione del debito, controllo e gestione del rischio finanziario.
  • Organizzazione e Gestione delle Risorse Umane: consulenza sulle risorse umane nell’assessment e ottimizzazione della struttura organizzativa, elaborazione sistemi di remunerazione ed incentivazione, ricerca e selezione del personale, coaching, tutoring e sviluppo leadership.
  • Finanza Agevolata Nazionale ed Europea: ricerca e accesso agli strumenti finanziari/finanziamenti esistenti e più adeguati a ciascuna attività, riducendo sensibilmente il rischio di impresa.
  • Agevolazioni Fiscali e Tributarie: consentire all’imprenditore di accedere al miglior regime fiscale esistente rispetto al settore operativo e al luogo di riferimento.
  • Bilancio della salute e clima organizzativo: il termometro esatto della situazione di benessere dell’azienda.
  • Assessment: per l’inserimento e i passaggi di ruolo, perchè è fondamentale inserire la persona giusta e metterla a l posto giusto, allo stesso modo è di vitale importanza allocare tutte le proprie risorse nelle posizioni in cui possano essere maggiormente soddisfatte e produttive.
  • Formazione: consulenza focalizzata sull’analisi dei bisogni formativi e sull’erogazione stessa della formazione costruita ad-hoc, piuttosto che erogazione di corsi a catalogo e legati alla formazione obbligatoria.
  • Coaching: per trovare una comunicazione e gli obiettivi comuni e rinnovare le energie condivise insieme per raggiungere gli stessi.
  • Counseling: per un supporto continuo dei lavoratori qualora ne avessero bisogno.
Attraverso il mentoring continuo degli imprenditori e delle realtà imprenditoriali i due studi lavorano per rendere l’azienda leader del mercato, dove sono necessarie e fondamentali competenze e soft skills.

I professionisti rispondono ad ogni esigenza aziendale, come:

  1. studio e interpretazione del mercato di riferimento;
  2. studio e supporto iter burocratici;
  3. analisi degli aspetti legali-giuridici;
  4. elaborazione e realizzazione strategie di vendita, di comunicazione;
  5. ricerca e richiesta di finanziamenti agevolati e ordinari;
  6. studio strategia di marketing per aumento vendite e ottimizzazione costi;
  7. check-up aziendali per evidenziare migliorie da apportare.
Il nostro obiettivo primario è aiutare le aziende a conseguire i giusti risultati economici.

La prima consulenza gratuita permetterà alle parti in gioco di conoscersi per iniziare questo viaggio insieme.

Contattaci per saperne di più!

 

I nostri partner

Per le Aziende

 

 

 

 

 

La nostra proposta per la valutazione dello stress per le micro e piccole aziende.

Maggiori informazioni