La PNL nella psicoterapia

La PNL nella psicoterapia

Tratto da Scuola di Formazione in Psicologia

In che modo la PNL (Programmazione Neuro Linguistica) può essere utili nella psicoterapia?

"La psicoterapia è una pratica terapeutica della psicologia clinica e della psichiatria, ad opera di uno psicoterapeuta (psicologo o medico, adeguatamente specializzato), che si occupa della cura di disturbi psicopatologici di natura ed entità diversa, che vanno dal modesto disadattamento o disagio personale fino alla sintomatologia grave, e che possono manifestarsi in sintomi nevrotici oppure psicotici tali da nuocere al benessere di una persona fino ad ostacolarne lo sviluppo, causando fattiva disabilità nella vita dell’individuo" (Wikipedia).

"Si definisce psicoterapia un sistema di cura pianificato che, nel trattamento di malattie di origine essenzialmente psichica, si basi sull’utilizzo di mezzi psicologici attraverso la relazione terapeutica, con il fine di ottenere la riduzione dei sintomi oppure la modificazione della struttura della personalità. Le teorie di riferimento rispetto alla salute mentale sono numerose quanto le metodologie tecniche nelle loro varie applicazioni" (Treccani).

Concordo con le due descrizioni date sopra, aggiungerei che la psicoterapia non è solo una pratica utile alla riduzione dei sintomi e che si occupa della cura dei disturbi psicopatologici, ma può essere utile al miglioramento ed al rinforzo di comportamenti e caratteristiche personali, partendo quindi non necessariamente da una condizione di sofferenza o di disagio.

Ma veniamo al punto: in che modo può la PNL essere utile alla psicoterapia?

Innanzitutto bisogna precisare che la PNL non è “psicoterapia”, quindi non rientra nei modelli psicoterapici come l’analisi transazionale, la gestalt, la cognitivo comportamentale, ecc.

Personalmente ritengo che utilizzata insieme ad altre tecniche, quindi come “strumento in più” possa portare a ottimi risultati.

Ecco alcune descrizioni sommarie e tutt’altro che esaustive, ma puramente indicative per fornire un’idea di come stanno le cose.

  • Può essere utile nel creare la “relazione terapeutica”, instaurando così quel “clima” che favorisce il cambiamento
  • Può aiutare ad individuare quali sono gli eventi attivanti (vedi Albert Ellis) ovvero che cosa fa scattare il comportamento disfunzionale, aumentando così la consapevolezza e fornire tecniche per modificare la risposta a tali eventi
  • Può aiutare ad individuare la nostra visione del mondo e fornirci gli elementi per cambiare il modo di rappresentarsi la realtà modificando in tal modo comportamenti disfunzionali
  • Può aiutare ad individuare i sistemi di credenze/convinzioni (convinzioni, pregiudizi, pensieri, percezioni, interpretazioni, norme, regole, valori…) disfunzionali e fornire strumenti per modificarli

Per ulteriori esempi e approfondimenti consiglio di cercare nella letteratura esistente sul tema.

Nei prossimi articoli parlerò di altri campi nei quali la PNL può trovare applicazione.

 

 

 

 

 

 

© La PNL  nella psicoterapia – Andrea Castello

 

 

 

Epistemologia della PNL

Epistemologia della PNL

Articolo tratto da Scuola di Formazione in Psicologia

“La credenza che la realtà che ognuno vede sia l’unica realtà è la più pericolosa di tutte le illusioni “ (Paul Watzlawick, La realtà della realtà)

L’epistemologia (dal greco episteme, conoscenza certa, e logos, discorso) è quella branca della filosofia che si occupa di stabilire le condizioni di validità della conoscenza scientifica e dei metodi connessi allo sviluppo della conoscenza stessa, essa non si pone quindi l’obiettivo di formulare nuove ipotesi sul mondo (leggi e teorie) o di scoprire nuovi fenomeni (attraverso l’osservazione), bensì di affrontare problemi legati ai fondamenti stessi della conoscenza scientifica, in particolare il problema della giustificazione della conoscenza stessa, ovvero come gli scienziati arrivino a provare la validità delle loro teorie e quello di distinguere la scienza dalla pseudo-scienza.

Il mio intento nello scrivere questo articolo non è quello di dimostrare la scientificità della PNL ma, semplicemente, di portare alla luce le eventuali correlazioni con altre discipline e teorie psicologiche.

Credo che la corrente filosofica che più ha prodotto contributi non solo alla PNL ma anche alla psicologia (sistemica, strategica, cognitivo comportamentale, ecc), nella sociologia ed altre branche sia il costruttivismo.

La teoria costruttivista sostiene che la vita è un processo cognitivo, ed è attraverso tale processo, che nasce dall’esperienza individuale, che ogni essere vivente genera il proprio mondo. Soggetti diversi rispondono in maniera diversa ad uno stesso stimolo o ad una stessa realtà e la risposta sarà determinata dal modo in cui l’osservatore è strutturato e da come “interpreterà tale informazione o realtà. È la struttura dell’osservatore e di come si rappresenta l’informazione ricevuta che determina come esso si comporterà e non l’informazione ricevuta. L’informazione in sé (o la realtà) non ha un significato se non quello che le attribuisce il soggetto che riceve tale informazione.

Tutte quelle proprietà e/o quei significati che si credeva facessero parte della realtà che si sta vivendo, si rivelano così proprietà dell’osservatore, o, comunque, significati attribuirti dall’osservatore, per cui l’oggettività che conta non è quella esterna e indipendente dal soggetto, ma quella data dal soggetto stesso.

Di seguito elenco solo alcuni dei principi che per la Programmazione Neuro Linguistica diventano dei presupposti su cui basare i propri modelli e rappresentano le basi epistemologiche su cui si basa l’impianto della PNL

La mappa non è il territorio

Le origini risalgono al concetto espresso da A. Korzypsky: “La mappa non è il territorio e il nome non è la cosa designata” …. ”non esiste esperienza oggettiva (tratto da Mente e Natura di Gregory Bateson).

Il principio della soggettività (dell’esperienza) sancisce che ogni persona è unica e diversa dalle altre e pur vivendo esperienze simili reagisce in modo differente (ad esempio i gemelli che, pur vivendo nello stesso ambiente, sviluppano caratteristiche diverse).

Vivere la stessa esperienza non significa provare gli stessi sentimenti, fare lo stesso lavoro non significa pensarla nello stesso modo.

Sono stati molti i pensatori che nella storia della cultura hanno sostenuto questo punto: che c’è una irriducibile differenza tra il mondo e l’esperienza che abbiamo.

L’uomo, non può avere accesso alla realtà che lo circonda in modo diretto, l’esperienza avviene attraverso i cinque sensi: vista, udito, tatto, gusto ed olfatto.

La "realtà", essendo quindi “filtrata” dai nostri cinque sensi è soggetta anche a quelli che nella Grammatica Trasformazionale (N. Chomsky) vengono detti processi del modellamento umano: generalizzazione, cancellazione e deformazione (che vedremo quando parleremo di Linguaggio).

Noi essere umani non abbiamo una conoscenza assoluta del mondo (territorio), bensì ciascuno di noi crea una rappresentazione (mappa) del mondo in cui vive; creiamo in pratica una specie di mappa o modello, che usiamo par orientare il nostro comportamento. La nostra rappresentazione del mondo, quindi, determina in larga parte l’esperienza del mondo che avremo, il modo in cui lo percepiremo, le scelte che ci sembrano disponibili vivendoci dentro.

In ogni situazione reagiamo in modo diverso dagli altri perché mentalmente la affrontiamo secondo una prospettiva diversa, essendo diversa la nostra mappa cognitiva della situazione stessa.

La mappa, quindi, rappresenta la visione del mondo di ogni individuo ed è il risultato delle sue esperienze personali (il risultato delle esperienze precedenti, influenza il modo di vedere le esperienze sia presenti, sia future).

La mappa di ogni individuo si forma mediante le sue rappresentazioni sensoriali personali elaborate successivamente a livello cerebrale in modo da formare: punti di vista, sensazioni, dubbi, opinioni, valori, credenze, automatismi, ecc.

La mappa di ogni individuo struttura (condiziona) la sua esperienza nel mondo.

Un primo ed interessante studio lo troviamo nella Teoria dell’apprendimento per segni (Tolman) ove si afferma che un soggetto che sia diretto verso una meta seguendo i segni (o i simboli) che lo indirizzano nella direzione voluta, stia in realtà apprendendo ad orientarsi formandosi una mappa cognitiva del luogo dove si trova. Tolman introdusse per la prima volta il concetto di mappa cognitiva ossia una rappresentazione mentale della meta e dello spazio che conduce ad essa, grazie a tale mappa, secondo il principio del minimo sforzo, la meta viene raggiunta per mezzo del percorso più semplice e meno dispendioso. (Tolman E. – Honzik C.H. 1930 Introduction and removal of reward, and maze performance in rats, University of California Publications in Psychology, 4, 257-275) Il suo studio rappresenta il passaggio da concezioni di tipo comportamentista a idee cognitiviste

Schemi di pensiero

La nostra mente risponde agli stimoli ed alle situazioni in base a schemi acquisiti.

Ogni organismo animale agisce in conformità ad un meccanismo di stimolo/risposta, da cui ad ogni stimolo (ad esempio – pericolo) corrisponde una risposta (fuga). Per gli uomini, nel corso dell’evoluzione, con il tempo e l’esperienza si creano automatismi che determinano sequenze (schemi) di comportamento e di pensiero che saranno poi utilizzati in maniera costante.

Sono un tipico esempio le abitudini, ad uno stimolo (ambiente/situazione/emozioni) si tenderà a rispondere con lo stesso schema di comportamento (abitudine).

Altro esempio di automatismo è la guida dell’auto dove ad ogni situazione (stimolo) i movimenti (risposta) vengono attuati completamente a livello inconscio.

Oltre agli schemi comportamentali abbiamo schemi mentali che utilizziamo per decidere, motivarci, entusiasmarci, deprimerci, preoccuparci, agitarci, farci prendere dal panico, ed anche in questo caso tenderemo a riprodurre, in situazioni simili, gli stessi schemi.

Qualche cenno di approfondimento sul tema S/R, particolarmente importante, per meglio comprendere le logiche concettuali sulle quali si basano le affermazioni precedenti.

La Psicologia Stimolo/Risposta

“Ciò che noi osserviamo negli organismi viventi non sono i contenuti di coscienza, quali sentimenti, affetti o percezioni ma il comportamento ” (J.B. WATSON)

La tradizionale relazione che esiste tra stimolo – risposta nasce dal COMPORTAMENTISMO, teoria di valore storico (dovuta a J.B. Watson), che circoscrive il campo della psicologia allo studio del comportamento e delimita il compito di questa alla ricerca, mediante metodi sperimentali e di osservazione, delle risposte (motorie, ghiandolari, neurologiche) a stimoli conosciuti (“..ogni risposta è funzione di uno stimolo..”).

Il Comportamentismo è una teoria psicologica che afferma che è possibile (anzi auspicabile e scientificamente valido) studiare soltanto gli eventi osservabili dell’azione umana, contrariamente alle deduzioni psicanalitiche sulla vita inconscia e sull’importanza annessa all’introspezione.

Secondo il COMPORTAMENTISMO (Watson) il comportamento viene considerato come uno schema o sequenza di più risposte provocate da altrettanti (uno o più) stimoli esterni.

Esempi di schemi Stimolo- Risposta:

–    la pupilla si restringe (risposta motoria) in presenza di una forte luce (stimolo),

–    la salivazione aumenta (risposta ghiandolare) alla vista di una tavola imbandita (stimolo),

–    la sensazione di vertigine (risposta neurologica) viene avvertita di fronte ad un precipizio (stimolo).

L’opera di Pavlov, scienziato russo, ha fornito il complesso stimolo-risposta, elaborato in seguito nella PNL come struttura dell’ancoraggio (ed é citata in La Programmazione Neuro-Linguistica – Lo studio della struttura dell’esperienza soggettiva di Robert Dilts, John Grinder, Richard Bandler, Leslie Cameron-Bandler, Judith Delozier _ Astrolabio – Milano, 1982).

In seguito il concetto di “risposta” è stato ampliato da Skinner sino a considerare “la risposta” non solo una semplice reazione fisiologica ma anche sequenze di COMPORTAMENTI complessi come pranzare, guidare l’automobile o scrivere una lettera. Occorre specificare che i singoli gesti volontari o involontari (movimenti semplici) come muovere un braccio, alzare le sopracciglia, ecc. sono considerati comportamenti semplici, mentre i comportamenti complessi sono costituiti da associazioni di più movimenti semplici.

Per il COMPORTAMENTISMO, quindi, ciò che apprendiamo sono COMPORTAMENTI.

Il bambino impara per prova ed errore un determinato comportamento e tende a riprodurlo in situazioni simili.

Successivamente altre teorie hanno affermato che la “risposta” non comprende solo comportamenti semplici o complessi ma anche processi di pensiero e stati emotivi e che lo stimolo può essere sia esogeno che endogeno rispetto all’organismo umano.

In altri termini, il soggetto in questione apprende non semplici movimenti o comportamenti, ma significati che concorrono alla creazione di una sua mappa mentale e di strategie che sottendono ogni comportamento..

Strategie (T.O.T.E.)

Ogni nostro comportamento manifesto è controllato da strategie operanti internamente. Ciascuno di noi ha un proprio insieme di strategie per motivarsi, per alzarsi dal letto la mattina, per delegare ai dipendenti le responsabilità di lavoro, per imparare e insegnare, per condurre negoziati d’affari e così via.

Eppure i nostri modelli culturali, non ci insegnano esplicitamente gli aspetti specifici delle strategie necessarie per conseguire gli obiettivi comportamentali espressi o impliciti in ciascun modello.

Per descrivere una specifica sequenza di comportamento, la PNL sfrutta lo studio che per la prima volta fu formulata in “Plans and the structure of Behavior”, pubblicato nel 1960 da Gorge Miller, Eugene Galanter e Karl H. Pribram ("Piani e struttura del comportamento" – F. Angeli, Milano 1973) nel quale ipotizzavano che il comportamento fosse guidato da una serie di piani o schemi di azione nidificati l’uno dentro l’altro secondo un ordine gerarchico a complessità crescente.

Secondo gli autori un Piano o schema di comportamento è l’equivalente di un programma di un calcolatore che predispone l’individuo a una particolare strategia d’azione:

"Un Piano è ogni processo gerarchico nell’organismo che può controllare l’ordine in cui deve essere eseguita una serie di operazioni." (p. 32)

Questo studio si chiama T.O.T.E., che significa Test, Operate, Test, Exit e riprende una sequenza basata sul modello del computer.

 

 

Ma in che modo la PNL può essere applicata ai vari contesti professionali, come la psicoterapia, il coaching, la formazione, la vendita,  l’assessment, la leadership ?  …. nei prossimi articoli

 

 

 

 

 

© Epistemologia della PNL – Andrea Castello

 

 

I campi di applicazione della PNL

I campi di applicazione della PNL

 

Tratto dal sito Scuola di Formazione in Psicologia

La Programmazione Neuro Linguistica (PNL) nasce negli anni 70 in ambito clinico. In quel periodo Richard Bandler e John Grinder iniziarono a studiare le modalità comunicative e operative di psicoterapeuti eccellenti dell’epoca come Fritz Perls (terapeuta Gestalt), Virginia Satir (terapia della famiglia) e Milton H. Erickson, (medico noto come uno dei maggiori e più efficaci esperti in ipnosi clinica).

Da quegli studi uscirono alcune pubblicazioni "La struttura della Magia" e "I modelli della tecnica ipnotica di Milton H. Erickson" (editi in Italia da Astrolabio), che trattavano argomenti esclusivamente “clinici”.

Alla fine degli anni settanta iniziarono ad arrivare altri trainer, portando sviluppi alla PNL e contribuendo alla diffusione della stessa: Robert Dilts che ha contribuito allo sviluppo sia in campo clinico che aziendale (per esempio sulla leadership), Leslie Cameron Bandler (co-autrice del libro “La Programmazione Neuro Linguistica”), David Gordon (autore del libro "Metafore Terapeutiche"), Steve e Connirae Andreas (autori dei libri "Cambiare la mente" e "I nuclei profondi del sé", ed italiana: Astrolabio), Anthony Robbins che portò la PNL al grande pubblico come strumento di crescita e cambiamento personale, Tad James autore del libro "Time Line" (Ed. Astrolabio), John La Valle, formatore e consulente, specializzato nelle applicazioni della PNL al business e alla persuasione, co-autore con Bandler del libro "Persuasion EngineeringTM" e tanti altri trainer che con il loro lavoro hanno contribuito ulteriormente allo sviluppo ed alla diffusione della PNL.

Grazie a questi contributi, oggi la PNL viene utilizzata in svariati contesti (l’elenco che segue non è esaustivo ma puramente indicativo), quali:

 

  • la psicoterapia – pur non essendo riconosciuta come tecnica psicoterapeutica, la PNL contiene molti strumenti che ritengo indispensabile conoscere per chi si occupa di psicoterapia, dai più semplici ai più complessi, come per esempio, come mettere a suo agio il paziente, come impostare un colloquio clinico, come affrontare e superare una fobia o un attacco di panico, come individuare e modificare una strategia cognitiva, ecc
  • il counseling – per aiutare la persona ad acquisire consapevolezza, individuare ed utilizzare le risorse personali per affrontare il percorso di cambiamento
  • il coaching – per aiutare il cliente a mettere a fuoco i propri obiettivi, ad apprendere ed elaborare le tecniche e le strategie di azione che permetteranno loro di migliorare sia le performance che la qualità della propria vita
  • la vendita – la PNL mette a disposizione tecniche per entrare in sintonia con il potenziale cliente, formulare domande per individuare i reali bisogni, creare argomentazioni motivanti, individuare la strategia decisionale
  • la leadership – per comunicare meglio, condividere la propria vision, motivare i collaboratori
  • lo sport – per allenarsi mentalmente, gestire lo stress e migliorare le performance
  • la selezione – per condurre un colloquio di selezione, conoscere la struttura cognitiva del candidato e valutarne l’adeguatezza al ruolo ricercato
  • l’insegnamento – per utilizzare modalità comunicative adeguate a migliorare l’apprendimento

 

 

Ma la PNL ha delle correlazioni con altre discipline ? …. nel prossimo articolo

 

 

 

 

 

© I campi di applicazione della PNL – Andrea Castello

 

Cos’è la PNL

La PNL   

Tratto dal sito Scuola di Formazione in Psicologia

Cos’è la PNL

Nei testi degli ideatori della Programmazione Neuro Linguistica, la PNL viene definita come “lo studio della struttura dell’esperienza soggettiva”, ovvero un modello che studia come le persone elaborano le informazioni (come pensano) influenzandone in tal modo il loro vissuto ed il comportamento.

Le caratteristiche principali e distintive della PNL si potevano riassumere in tre punti:

 

  1. Considerare la mente inconscia come una risorsa, una entità con capacità creative e organizzative, una struttura in grado di creare il problema psichico e, al tempo stesso, una struttura che contiene le risorse in grado di risolverlo
  2. Descrivere accuratamente i processi cognitivi che le persone utilizzano per elaborare le varie forme di pensiero
  3. Fornire una serie di strumenti precisi e puntuali tali da consentire al terapeuta di entrare in rapporto privilegiato con il paziente e di “portarlo” a modificare e “ristrutturare” le sue strategie cognitive raggiungendo in tal modo le mete terapeutiche oggetto del contratto tra paziente e terapeuta.

Ho iniziato ad utilizzare le tecniche della PNL in ambito clinico, con pazienti, con l’intento di aiutarli a superare i “problemi” personali che riportavano nella seduta psicoterapeutica, ho continuato nel tempo portando l’utilizzo fuori dal contesto clinico ….

In quel periodo consideravo la Programmazione Neuro Linguistica come un insieme di tecniche utilizzabili a prescindere dall’approccio utilizzato, tecniche che mi consentivano di “lavorare” su problemi specifici, come per esempio fobie di vario tipo, la claustrofobia o l’agorafobia, gli attacchi di panico o le sindromi depressive. Strumenti precisi che permettevano di individuare dove e come intervenire nella sequenza cognitiva.

Oggi dopo parecchi anni di utilizzo e di sperimentazione considero la PNL non solo come una cassetta di attrezzi, a dire il vero estremamente efficaci, ma come un “modo di pensare”, un modello che ci consente di agire nella realtà.

Nelle scienze sociali il termine modello assume il significato di “schema teorico di riferimento” non assimilabile totalmente con una teoria, ma che può essere orientato alla sua costruzione.

Si può affermare che i modelli svolgano 3 funzioni:

  1. una funzione euristica e orientativa della prassi (in questo caso prassi terapeutica), permettendo di guidare l’analisi della realtà e l’operatività del terapeuta;
  2. una funzione interpretativa, permettendo di costruire gli indicatori di verifica dei risultati conseguiti in relazione agli obiettivi posti a fondamento dell’azione (obiettivi terapeutici);
  3. una funzione esplicativa della realtà stessa, permettendo di costruire la teoria a partire dall’osservazione della realtà. Fanno riferimento, quindi, sia a tecniche induttive che, partendo dalla osservazione diretta della realtà, arrivano a formulare generalizzazioni, sia a tecniche deduttive che, a partire dalla costruzione teorica, cercano di illustrare e spiegare la realtà.

In sintesi quindi la PNL è un modello che da un lato cerca di spiegare come funzionano le nostre strategie cognitive (non il cosa pensiamo ma il come lo facciamo), dall’altro lato fornisce strumenti pratici ed efficaci per intervenire e operare dei cambiamenti, date queste caratteristiche è ovvio che la PNL sia applicabile sia in ambito della psicologia clinica, sia nella psicologia del lavoro.

Ma quali sono i campi di applicazione della PNL? Nel prossimo articolo vedremo …

© Cos’è la PNL – Andrea Castello

 

News: Corso su La Programmazione Neuro Linguistica nella pratiche professionali di sostegno

STUDIO CASTELLO in collaborazione con FEDRO – TRAINING & COACHING

PRESENTANO

 

 

LA PROGRAMMAZIONE NEURO LINGUISTICA (PNL) NELLE PRATICHE PROFESSIONALI DI SOSTEGNO

(COACHING-COUNSELLING-PSICOTERAPIA)

 

 

La Neurolinguistica costituisce un vasto serbatoio di linguaggi, modelli e tecniche estremamente efficaci, a disposizione dei professionisti che supportano e favoriscono il cambiamento. Il corso si propone la condivisione e la sperimentazione di questi strumenti nel pieno rispetto delle differenze di approccio delle varie professionalità e scuole di appartenenza. In questo modo ogni partecipante potrà elaborare ed applicare quanto appreso in maniera coerente con il proprio modo di operare.

 

Il corso è aperto a tutti i professionisti delle professioni di aiuto (coach, counselor, medici, psicologi e psicoterapeuti) e agli studenti delle relative discipline.

 

PROGRAMMA: 4 MODULI DELLA DURATA DI 3 GIORNI CIASCUNO

 

MODULO 1. INTRODUZIONE E ALFABETIZZAZIONE

MODULO 2. I LINGUAGGI

MODULO 3. MOTIVAZIONE E CAMBIAMENTO

MODULO 4. TECNICHE DI CAMBIAMENTO IN AMBITO CLINICO *

 

*IL MODULO 4 è RISERVATO A PSICOLOGI E PROFESSIONISTI ABILITATI ALLA PSICOTERAPIA

 

SEDE DEL CORSO: ROMA – VIA DELLA BALDUINA 76 

 

DATE: 

 

MODULO 1. 28-29-30 giugno

MODULO 2. 12-13-14 luglio

MODULO 3. 13-14-15 settembre

MODULO 4. 01- 02-03 novembre

 

 

INVESTIMENTO: 

 

4 MODULI (INTERO PERCORSO) EURO 1.870,00 – PER ISCRIZIONI ENTRO IL 21 GIUGNO EURO 1.750,00

 

MODULO 1.+2. + 3. EURO 1.400,00 – PER ISCRIZIONI ENTRO IL 21 GIUGNO EURO 1.300,00

 

 

MODULO 1.+2. EURO 1.170 – PER ISCRIZIONI ENTRO IL 21 GIUGNO EURO 1.053,00

 

MODULO 3. EURO 585,00 – PER ISCRIZIONI ENTRO IL 31 LUGLIO EURO 526,00

 

MODULO 4. EURO 585,00 – PER ISCRIZIONI ENTRO IL 31 LUGLIO EURO 526,00

 

 

PER ISCRIZIONI E INFORMAZIONI: 

 

info@studiocastello.it 

 

 

PNL: CONCLUSIONI

PNL: CONCLUSIONI

 

La Programmazione Neurolinguistica è un campo estremamente minato, in cui convergono diverse tesi, sia a favore che contro, soprattutto nel campo della psicologia, della linguistica, della socio-linguistica.

Ho cercato di compiere un’analisi il più possibile oggettiva per garantire ai lettori una conoscenza della materia priva di interpretazioni ed opinioni.

Inizialmente, ero estremamente scettica dell’efficacia delle strategie della PNL e del loro fondamento scientifico; questo primo atteggiamento però, mi ha stimolato una grande curiosità che mi ha permesso di entrare in contatto con un mondo a me sconosciuto e con un numero sostanzioso di persone che in diversi modi vi lavorano.

 

Quello che la PNL ha fatto, è stato creare una nuova figura professionale: il practitioner di PNL, ovvero un comunicatore, un mediatore, un terapeuta.

Come ben sappiamo, molte tra le facoltà universitarie che continuano a nascere in questi ultimi anni, sono quelle legate all’ambito della comunicazione (Scienze della Comunicazione, Comunicazione Internazionale, Mediatore Culturale) che, pur fornendo una cultura estremamente variegata e conforme ai cambiamenti della società, non delineano con precisione una figura professionale. L’intervento della PNL, in termini riduttivi e prettamente economici, ha significato una risposta ad un bisogno e ad una richiesta di mercato, proponendo Master, corsi di formazione, d’aggiornamento, ecc.. Esiste un numero elevatissimo di società o associazioni che organizza e gestisce qualsiasi cosa attinente alla PNL: in Italia, oltre alla NLPItaly, associazione ufficiale, c’è Max Formisano Training, Aleph, Bless you, Engineering and colsulting e tante altre. Ogni associazione poi, oltre a proporre i corsi di “Come migliorare se stessi e le proprie relazioni”, si specializza in un settore in particolare, dal management aziendale, allo yoga indiano, dal public speaking alla musicoterapica, dalla gestione delle risorse alla medicina alternativa.

Sono sorte inoltre, delle forme più moderne come la PNL applicata Umanistica e la PNL3, che pur ispirandosi alla forma originaria di Bandler e Grinder, sviluppano una propria linea ed interpretazione. 

 

Insomma, la Programmazione Neurolinguistica è uno strumento e come ogni strumento può essere utilizzato in tantissimi modi, in forme negative o estremamente positive.

Uno degli aspetti positivi, a mio avviso, è porre al centro dello studio l’essere umano, con i suoi comportamenti, i suoi atteggiamenti che si esprimono non solo attraverso il linguaggio verbale, ma soprattutto analogico. Focalizzandosi sulle relazioni tra esseri umani, ridà spessore e

rilevanza alla comunicazione faccia a faccia, conio di Thompson, che nella nostra epoca è stata completamente sostituita dall’interazione quasimediata o mediatica. Come dice Meyrowits nel suo libro No sense of place, le interazioni che maggiormente caratterizzano la nostra società non hanno né un luogo né uno spazio preciso, non c’è più un reale incontro: guardando la televisione, attraverso internet, le chat lines, avvengono incontri in spazi fittizi in cui le relazioni sono falsate e non paritarie.

 

Abbiamo perso a tal punto la naturalezza di gestire i rapporti con le persone, la spontaneità della comprensione reciproca, da avere bisogno di un metodo o di frequentare un corso che ci insegni a capire gli altri, a comunicare in modo efficace, a leggere le loro emozioni, ad entrare in empatia con loro?

Se la risposta è positiva, la PNL e il suo lavoro risulteranno utili.

Se, al contrario, non riteniamo di aver perso le caratteristiche “umane”, la PNL può essere sostituita dal buon senso, da una buona educazione, da valori e credenze, da un vivere non solo per se stessi ma per gli altri.

Avendo come base questi principi, pur non utilizzando il ricalco o il rispecchiamento, saremmo in grado di capire quando parlare o quando praticare il silenzio, quando assumere un comportamento o un altro, per comprendere l’altro, per capire e fare nostre le sue idee, le sue sensazioni, i suoi problemi.

 

Esistono, però, molti settori lavorativi in cui la formazione è essenziale e prioritaria, come quello della scuola, in cui la PNL può fare tanto e bene.

L’incontro con Carmela Lo Presti è stato un’occasione di crescita non solo per la mia tesi, ma soprattutto a livello personale, in quanto mi sono imbattuta in una donna le cui idee sono impregnate di positività volta al cambiamento.

La sua opinione riguardo la scuola è rivoluzionaria, ma allo stesso tempo radicata a valori e credenze di una grande semplicità; è consapevole che il lavoro che compie quotidianamente crea le fondamenta per un nuovo modo di vivere la scuola e di fare formazione, privilegiando la crescita del bambino, che viene accompagnato, con cura e rispetto, nella prima tappa della sua vita.

 

Il cambiamento del sistema educativo però non può iniziare dal bambino, ma deve nascere nelle Università, nelle scuole di specializzazione, dai tirocini, che devono essere in grado di formare delle figure professionali complete, con cognizioni psico-pedagogiche, linguistiche, ma soprattutto continuamente aggiornate sui mutamenti esterni che modellano profondamente lo sviluppo di ogni bambino. In Italia, le tecniche di PNL, pur essendo applicate, sono poco manifeste e riconosciute, e riguardano una nicchia di persone più incline all’aggiornamento e alla formazione, le quali si devono comunque scontrare con un sistema tradizionale e poco organizzato.

L’utilità della PNL, nel sistema scolastico, non è ancora apprezzata sufficientemente, essendo ancora una disciplina sperimentale. Gli stessi professionisti del settore, in Italia e in Europa, sono tuttora ignari di molte organizzazioni e progetti che invece concretizzano in maniera efficace le sue strategie.

 

L’aspetto, però, che più mi preme sottolineare è l’importanza della comunicazione. Quello che ho voluto dimostrare attraverso questa tesi, è che è possibile educare i bambini al dialogo, alla mediazione; è possibile formare individui alla relazione interpersonale, educarli all’altro, per capire, ascoltare, comprendere, amare l’altro.

La scuola non può occuparsi solo della storia e dellamatematica ma, accanto alla famiglia, deve essere in prima linea per formare dei bambini integri, dal punto di vista umano, psicologico e spirituale. Soggetti che siano pronti non solo ad affrontare il mondo, ma a cambiarlo, essendo protagonisti di questo cambiamento.

 

I bambini possono diventare uomini di pace se fin da piccolissimi vengono loro offerti gli strumenti per comprendere se stessi e gli altri, se vengono circondati da adulti in grado di comunicare, se vivono in ambienti in cui il dialogo viene prima di tutto.

La società che rappresentiamo vive nella comunicazione, eppure, come dice Sfez : “Nella nostra società che non sa più comunicare con se stessa e in cui gli uomini stentano a comunicare, essi comunicano sempre di più, è vero, ma si comprendono sempre di meno. Si è come smarrita la traccia dei principi e delle norme che assicuravano la coesione dell’insieme sociale: da qui la dispersione e la sovrapposizione dei linguaggi, la Babele quotidiana.”

I principi e le norme che mancano devono essere insegnate nuovamente a scuola per creare uomini nuovi.

 

Chiara Lubich, che fin da quando ero piccola, ha inciso fortemente sulla mia formazione, la cui spiritualità mi ha insegnato ad amare e mi ha educato all’ascolto, nel suo libro Il Movimento dei Focolari e i mezzi di comunicazione sociale, afferma: “Per comunicare, sentiamo di dover "farci uno" con chi ascolta. Anche quando si parla o si svolge un tema, non ci si limita ad esporre il contenuto del nostro pensiero. Prima sentiamo l’esigenza di sapere chi abbiamo dinnanzi, conoscere l’ascoltatore o il pubblico, le sue esigenze, i desideri, i problemi. Così pure farci conoscere,

spiegare perché si desidera fare quel discorso, che cosa ci ha spinti, quali gli effetti di esso su noi stessi e creare con ciò una certa reciprocità. In tal modo il messaggio viene non solo intellettualmente recepito, ma anche partecipato e condiviso. Farsi uno, cioè entrare il più profondamente possibile nell’animo dell’altro, capire veramente i suoi problemi, le sue esigenze. Condividere le sue sofferenze, chinarsi sul fratello. Farsi in certo modo l’altro. In tale maniera il prossimo si sente compreso, sollevato, perché c’è chi porta con lui i suoi pesi, le sue pene e anche le sue gioie.”

 

 

GLOSSARIO

 

Calibrare: individuare lo stato d’animo dell’interlocutore attraverso i segnali che egli manifesta e che in precedenza avevamo avuto modo di associare allo specifico stato d’animo.

 

Condizioni di Ben Formato: le caratteristiche che deve avere un Obiettivo perché diventi un catalizzatore dei nostri comportamenti per la nostra mente “cibernetica”. Alcune caratteristiche sono: Specificità, tempificazione, positività, evidenza del raggiungimento, controllabilità, ecc…

 

Congruenza: lo stato nel quale si è quando si agisce in modo coerente con ciò che si dice e si pensa. Quando si è congruenti la nostra comunicazione non verbale è allineata a quella verbale. opposto: Incongruenza.

 

Credenze: ciò che riteniamo vero in un certo momento, le nostre generalizzazioni circa la realtà in cui viviamo. Sono strettamente connessi ai nostri Valori e ci guidano nel percepire ed interpretare la realtà. 

 

Installazione: installare una strategia in un soggetto. Vi sono due modi per compiere ciò: 1) con l’ancoraggio e l’inserimento degli stadi della strategia; 2) facendo provare al soggetto (una forma di auto-ancoraggio) la sequenza della strategia.

 

Mappa della realtà: è la rappresentazione della realtà che la persona ha dentro di sé. Costruita sulla base delle esperienze di ciascuno è unica ed è costituita dalle proprie rappresentazioni interne in termini sensoriali (Immagini, Suoni, Sensazioni) e dal linguaggio che usiamo per comunicarle. In PNL non esiste “la” mappa della realtà, le mappe di tutte persone hanno pari dignità.

 

Modellare: il processo di osservazione e replica dei comportamenti di successo di altre persone. Include sia i comportamenti esteriori, evidenti e conosciuti dalla stessa persona che gli accessi interni di cui egli può non avere coscienza.

 

PNL3: di tutte le tecniche esistenti, la PNL3 è quella che più prende in conto la comunicazione subliminale. A differenza della PNL come viene attualmente insegnata nella maggior parte dei casi, la PNL3 introduce, libera da condizionamenti (3 in inglese si può leggere come three che ha lo stesso suono di free che significa libero) una ricontestualizzazione di molte nuove tecniche e si apre sul nuovo riabilitando al contempo l’antico.

All’interno della PNL3 trovano così sviluppo e spazio antiche discipline così come l’EMDR II, (nuove tecniche EMDR) e l’interpretazione scientifica dell’ennegramma, utile per comprendere i tipi psicologici.

 

Ricalcare: adottare le modalità di comunicazione di un’altra persona (parole, postura, respirazione, etc…) in modo da creare o aumentare il Ra pporto.

 

Rapporto: il senso di “connessione” che proviamo naturalmente con le persone con cui “stiamo bene” implica fiducia, disponibilità ed empatia.

 

Segnali di accesso: manifestazioni esteriori dell’accesso da parte della persona alle Rappresentazioni Interne basate sui diversi canali sensoriali (Immagini, Suoni, Sensazioni). I segnali includono la postura, i gesti, i movimenti degli occhi, la respirazione, etc…

 

Sistemi Rappresentazionali: il nostro modo di codificare la realtà nella nostra mente attraverso ciò che possiamo percepire attraverso le nostre uniche finestre sul mondo: Visione, Udito, Tatto, Olfatto, Gusto.

 

Stato: l’insieme delle rappresentazioni interne, le emozioni, la fisiologia di una persona in un certo momento. La somma dello “stato d’animo” e degli aspetti esteriori e interiori che lo codificano.

 

Submodalità: all’interno dei Sistemi Rappresentazionali esistono delle specificazioni denominate submodalità. Sono potenti strumenti di cambiamento e servono per modificare le rappresentazioni interiori e i nostri stati emozionali.

 

 

BIBLIOGRAFIA

 

ANDREAS S., ANDREAS C.,

Cambiare la mente. Nuovi schemi submodali di programmazione neurolinguistica, Astrolabio, Roma, 1993.

ANZIEU A., ANZIEU-PREMMEREUR C., DAYMAS S.,

Il gioco nella psicoterapia del bambino, Borla, Roma, 2001.

BANDLER Richard, 

Usare il cervello per cambiare. L’uso delle submodalità nella programmazione neurolinguistica, Astrolabio, Roma, 1986

Magia in azione. Cambiamento e cura delle fobie con la programmazione neurolinguistica, Astrolabio, Roma, 1993.

Il tempo per cambiare:come costruire la propria mente usando la programmazione neurolinguistica, Astrolabio, Roma 1993.

BANDLER, Richard, GRINDER John, 

La struttura della magia, Roma, Astrolabio.(traduzione di Mencio, A., titolo originale dell’opera The structure of Magic, 1975, Palo Alto, Science and Behavior Books).

La metamorfosi Terapeutica. Principi di programmazione neurolinguistica,Astrolabio, Roma 1980.

Programmazione neurolinguistica. Lo studio della struttura dell’esperienza soggettiva, Astrolabio, Roma, 1982.

La ristrutturazione. La programmazione neurolinguistica e la trasformazione del significato, Astrolabio, Roma, 1983.

Ipnosi e trasformazione. La programmazione neurolinguistica e la struttura dell’ipnosi, Astrolabio, Roma, 1984.

BANDLER, Richard, GRINDER, John, SATIR, Virginia, GENTILI, 

Il cambiamento terapeutico della famiglia, Astrolabio, Roma, 1992.

BORRELLA , ANGELI,

Comunicare persuadere convincere. Come ottenere dagli altri quello che si vuole con le tecniche di programmazione neurolinguistica, La Terza, Milano, 2002.

BIJOU, Sidney, MCGRAW-HILL,

Analisi comportamentale dello sviluppo infantile, Libri Italia, Milano, 1997.

BEE, Helen,

Il bambino e il suo sviluppo, Zanichelli, Bologna, 1999.

DON, A. BLACKERBY,

Rediscover the joy of learning, 2002.

CENSI A.,

La costruzione sociale dell’infanzia, Angeli, Milano, 1995.

CLEVELAND,

Modelli di PNL per la comunicazione interpersonale, Astrolabio, Roma, 1996.

CUTTICA Laura, 

L’avventura del comunicare. Le strategie della programmazione neurolinguistica, Xenia, 1996.

“ Il fascino dalla seduzione:la PNL meglio di Casanova, Xenia, 2003.

“ L’ipnosi per amare la vita. La programmazione neurolinguistica in azione, Edicolors, 2000.

DILTS, Robert; BANDLER, Richard; GRINDER, John, 

NLP Volume 1, Astrolabio, 1992.

DILTS, Robert, 

Applicazioni di PNL, Astrolabio, 1991.

Creare modelli di PNL, Astrolabio, 1993.

I livelli di pensiero, Astrolabio, 1998.

DILTS, Robert; TESTA,

Leadership e visione creativa: come creare un mondo al quale le persone desiderino appartenere, Astrolabio, 1998.

EMILIANI,

Il mondo sociale dei bambini, Il Mulino, Bologna, 1995.

FILIGRASSO,

L’evoluzione del pensiero logico di Jean Piaget, Urbino, 1967.

FREIRE, Paulo,

La educaciòn como pratica de la libertad, Siglo XXI editores, Madrid 1996.

FONZI A.,

Cooperare e competere tra bambini, Giunti, 1991.

FO, Jacopo,

Guarire ridendo, Mondatori, Milano 2001

GIBSON, John,

Psicologia della classe, La scuola editrice 1987.

GOTTMAN, John,

Intelligenza emotiva per un figlio, Bur Saggi, Milano 1997.

GRANATA, Giulio, DE VECCHI,

PNL. La Programmazione neurolinguistica, Xenia, 2001

HEINZE, Robert, VOHMANN-HEINZE S.,

PNL. Programmazione neurolinguistica, Red Edizioni, 2003.

ISTITUTO DELLE MOTIVAZIONI ,

Enneagramma e programmazione neurolinguistica, 2002.

LAENG M.,

Nuovi lineamenti di pedagogia, La scuola editrice, Milano 1992.

LLOYD, Linda,

Classroom magic, Amazing Tecnology for Teachers and Home Schoolers, Metamorphous Press Portland, Oregon, 1991.

LO PRESTI, Carmela,

L’allenamento emotivo per bambini, I/II volume , Edizioni Era Nuova, 2005.

.LUBICH Chiara,

Il Movimento dei Focolari e i mezzi di comunicazione sociale, in “Nuova Umanità”, XXIII, 2001/1, Città Nuova Editrice.

“ L’amore reciproco: nucleo fondamentale della spiritualità dell’unità, Castel Gandolfo, 1989.

MCLUHAN M.,

Gli strumenti del comunicare, Garzanti, Milano, 1967. “ Il medium è il messaggio, Feltrinelli, Milano, 1968.

MILLER P,

Teorie dello sviluppo psicologico, Giunti, Firenze, 1999.

MORAT B., BIDOT N.,

Ottanta giorni per capirsi. La programmazione neurolinguistica, Xenia, 1999.

O’CONNOR J.; MCDERMOTT,

Manuale di PNL. Programmazione neurolinguistica e sviluppo personale, Il punto di incontro, 2002.

O’CONNOR J.,

Il libro del leader: guidare e coinvolgere con la PNL, Il punto di incontro, 2002.

PIAGET Jean, 

Cos’è la psicologia,Newton, Roma, 1995.

Dove va l’educazione, Armando, 2000.

Le Jugement moral chez l’enfant, Paris, 1932.

PINNERI R.,

La programmazione neurolinguistica, Xenia 1992.

SARTORI, Homo videns –

Televisione e post-pensiero, Sagittari Laterza, Roma, 1997.

SCWEBEL, Milton; RAPH, Jane;

Piaget in classe, Edizioni subalpina, 1997.

SHERIDAN, D. Mary,

Il gioco spontaneo del bambino, Cortina Editore, Milano, 1984.

THOMPSON, J. B.,

Mezzi di comunicazione e modernità, Il Mulino, Bologna.

VISALBERGHI A.,

Pedagogia e scienze dell’educazione, Mondatori, 1997.

WATZLAWICK P., BEAVIN J.H., JACKSON D.D., 

Pragmatica della comunicazione umana – Studio dei modelli interattivi delle patologie e dei paradossi, Editrice Astrolabio, Roma, 1971.

La realtà della realtà, Editrice Astrolabio, Roma, 1998.

WINNICOTT,

Gioco e realtà, Armando, Roma, 1974.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PNL: I giochi di For Mother Earth

PNL: I giochi di For Mother Earth

 

Tutti i giochi presentati, oltre che avere come fine il divertimento, sono un allenamento e hanno la funzione di alfabetizzare i bambini in campoemotivo. Vanno dai più semplici ai più complessi. Non si è soliti indicare l’età per la quale sono adatti, perché i bambini ci insegnano che possono fare e fanno molto più di quanto un adulto possa pensare: è tutta una questione di fiducia in loro e di rispetto, non di aspettative.

 

Al nido, a scuola o in casa, se è l’adulto a proporre il gioco, questo va terminato prima che cali l’interesse del bambino, cioè va interrotto mentre il suo interesse è ancora alto. Successivamente, quando il bambino ha già familiarizzato con lo strumento nuovo, bisogna lasciarlo libero di continuare e di esprimersi anche modificando il gioco stesso.

Nel dare indicazioni, Lo Presti si rivolge all’adulto in genere – intendendo sia l’educatore del nido, sia l’insegnante, sia il genitore – e al bambino in genere, maschietto o femminuccia che sia. Tutte le attività possono essere fatte con più bambini insieme: dipende dai bambini e dagli insegnanti. E’ consigliato comunque dedicare del tempo anche ad un bambino individualmente.

 

I giochi di For Mother Earth sono adatti ai bambini a partire dai 18 mesi di età fino ai 10/11 anni. I giochi qui proposti utilizzano quanto più è possibile tutti i canali sensoriali: Visivo (V), Uditivo (A), Cinestesico (K), Uditivo Digitale (Ad) poiché la PNL dimostra che quando tutti i nostri sensi sono coinvolti in un’attività, l’apprendimento avviene ad un livello più profondo. Inoltre, questo permette di coinvolgere entrambe i lobi cerebrali: il sinistro, quello predisposto all’analisi, alla logica ed al linguaggio e il destro, sede della creatività, della visione globale, del senso dello spazio e della musica.

 

Tutti i giochi, indipendentemente dal loro livello, hanno il medesimo obiettivo di carattere generale e cioè quello di sviluppare:

 

  • l’intelligenza emotiva
  • l’intelligenza interpersonale attraverso giochi che richiedono il contatto con gli altri e stimolano la comprensione degli altri e la collaborazione;
  • l’intelligenza intra-personale, che ha a che vedere con la conoscenza di sé;
  • la capacità creativa

 

Il gioco è lo strumento attraverso il quale il bambino si allena:

 

  • nel riconoscimento delle emozioni – sia in se stesso che nell’espressione altrui – nelle loro diverse gradazioni;
  • nell’espressione delle proprie emozioni – soprattutto attraverso il viso – nelle loro diverse gradazioni;
  • nella contestualizzazione delle emozioni nelle loro diverse gradazioni, cioè nel mettere in relazione una specifica emozione con la situazione in cui si manifesta.

 

Seguono alcuni esempi di giochi intorno ai quali ruotano le attività proposte da For Mother Earth:

 

A) I giochi con le carte delle emozioni

 

Queste carte rappresentano delle facce che esprimono diversi stati d’animo, dalla tristezza alla rabbia, dalla gioia alla paura. Diventano degli strumenti efficaci attraverso i quali il bambino fa conoscenza visivamente delle varietà delle emozioni che ogni individuo vive. Le carte aiutano a:

 

  • notare somiglianze e differenze;
  • cogliere le caratteristiche comuni a ciascuna famiglia di emozione, nelle sue diverse gradazioni emotive;
  • formare degli insiemi;
  • imparare i nomi delle diverse gradazioni emotive, arricchendo il vocabolario affettivo;
  • associare l’espressione emotiva al nome specifico dell’emozione, e non più solo al nome della famiglia emotiva;
  • a diventare ancora più consapevole della ricchezza del mondo emotivo.

 

B) Le carte/foto da costruire

 

Dopo un po’ di allenamento con le carte delle emozioni, si può fare il gioco di cercare, su riviste, quotidiani, ecc., volti espressivi ritagliandoli e incollandoli su cartoncino. Si possono utilizzare le carte/foto così ottenute per inventarne delle altre (gli obiettivi sono quelli già indicati).

 

C) Giochi con le carte degli eventi

 

Le carte degli eventi sono in tutto 54. Per ogni famiglia d’emozioni sono stati strutturati gli eventi, considerando tutte le gradazioni di intensità. Il gioco parte dalla consapevolezza che ogni essere umano, bambino o adulto che sia, vive ogni evento in modo personale:

 

  • ciò che viene vissuto con una certa intensità da uno, è vissuto con una diversa intensità, maggiore o minore, da un altro;
  • uno stesso evento può suscitare emozioni diverse a bambini diversi o ad uno stesso bambino, a seconda della focalizzazione del momento. Ad esempio: se ad un bambino viene tolto un giocattolo, si sentirà triste, se si è focalizzato sulla perdita; arrabbiato, se invece si è focalizzato sull’offesa; spaventato, se gli è stato tolto con violenza e urli (lo stesso vale per un adulto, anche se non parliamo più di giocattoli).

 

Utilizzando le carte degli eventi ciò che conta è individuare la/le famiglie delle emozioni possibili in quella situazione, e non la gradazione/nome dell’emozione. Tutte non in senso assoluto, ma riferite alle gradazioni prese in considerazione da Carmela Lo Presti per ciascuna categoria. Le abilità che grazie a questo gioco si sviluppano sono:

 

  • ilrispetto di procedure e regole ben definite all’interno del gioco;
  • a collaborare con gli altri, per ottenere un risultato positivo;
  • a ottimizzare il tempo a disposizione;
  • a utilizzare i diversi linguaggi: grafico, verbale, corporeo;
  • a riconoscere le emozioni – sia in se stesso che nell’espressione corporea degli altri;
  • a esprimere, attraverso il linguaggio corporeo le proprie emozioni;
  • a contestualizzarle, cioè a metterle in relazione con le situazioni;
  • a creare sequenze temporali di eventi in associazione logica con le emozioni;
  • a diventare consapevole che uno stesso evento può essere vissuto diversamente, sia emotivamente che come intensità emotiva.

 

D) Disegnare le emozioni: il gioco dell’autoritratto e del ritratto

 

Dopo l’allenamento di alfabetizzazione emotiva, a questo punto del percorso educativo, il bambino è in grado di sviluppare molte sue abilità innate ed è capace di cogliere molte più sfumature e particolari di prima: 

questa sua crescita si manifesterà nei ritratti e negli autoritratti in modo evidente.

Ciò che occorre per giocare è:

 

  • fogli di carta bianca o fotocopie in formato A4 della Scheda che riproduce la sagoma di un viso;
  • pennarelli o pastelli colorati;
  • uno specchio di almeno cm 20 x cm 20 (rivestire tutti i bordi con dello scotch telato, largo e colorato, in modo che non ci siano pericoli di tagliarsi e sia anche gradevole alla vista. Incollare lo specchio su un cartone molto robusto, più largo dello specchio, in modo che possa essere preso e spostato con facilità).

 

L’obiettivo specifico del gioco è allenare il bambino:

 

  • ad ascoltare cosa sta provando, o entrare di nuovo in contatto con ciò che ha provato;
  • a riconoscere l’espressione emotiva nel proprio viso;
  • a porre attenzione ai particolari significativi di ogni emozione;
  • a riprodurre ciò che osserva di sé allo specchio;
  • a riprodurre ciò che osserva nelle espressioni di altri, dal vivo o in foto.

 

Dai 5/6 anni il bambino è inoltre in grado di:

 

  • raccontare un momento in cui ha provato una data emozione (allenandolo negli autoritratti e nei ritratti di tutte le emozioni), in modo che possa riattivare dentro di sé l’emozione vissuta.
  • guardare il suo viso allo specchio, mentre fa “una faccia”, o guardare l’espressione di un compagno e riprodurla.
  • I lavori si possono incorniciare ed appenderli, creando a casa, al Nido o a Scuola uno spazio per gli autoritratti e i ritratti di famiglia, della classe, ecc.

 

E) Le storie emozionanti

 

La narrazione di storie, come “Il Semino Chiccolino”, “La Farfallina Triste”, “La Storia di Camilla”, appositamente inventate per l’alfabetizzazione emotiva, oppure le più tradizionali come “Il mago di Oz” o “Pinocchio”, diventano delle occasioni per i bambini di calarsi nella vita dei personaggi e comprendere profondamente un altro punto di vista che gli permette di trasporsi nella propria esperienza personale.

 

Le storie possono essere usate in due modi diversi:

 

1) Come storie che, raccontando di emozioni e nominandole, permettono al bambino:

 

  • di familiarizzare con termini della sfera emotiva e dunque di ampliare il proprio vocabolario, per una migliore comunicazione che riguarda le sue esperienze interiori;
  • di acquisire la padronanza dei termini emotivi, che va considerato uno strumento di allenamento emotivo importante, con l’effetto di rasserenarlo e di aiutarlo a recuperare più in fretta dalle situazioni di turbamento.
  • di allenarlo a focalizzarsi non solo sugli eventi, ma sull’effetto degli eventi sul piano emotivo e quindi comportamentale.

 

2) Come traccia o filo conduttore per un percorso didattico, all’interno del quale collocare gli altri giochi proposti.

 

 

F) La musica per l’alfabetizzazione emotiva

 

Questo che segue è solo uno dei tanti esempi di percorso musicale per l’Alfabetizzazione Emotiva che For Mother Earth può proporre.

La classica fiaba di Rosaspina se raccontata, o meglio supportata da brani musicali di autori classici e contemporanei diventa un meraviglioso mezzo di crescita per i bambini. Questo, in particolare, è un percorso musicale strutturato personalmente da Lo Presti per un corso di formazione tenuto per le alunne della classe quinta del Liceo Pedagogico di Assisi.

 

Il percorso formativo aveva, tra gli altri obiettivi, quello di dare loro competenze nella narrazione “emozionante” attraverso la globalità dei linguaggi. E’ stata poi utilizzata, in una versione più ridotta, con i piccolissimi nel nido ed ha riscosso molto successo. Ai bambini è stata raccontata la storia di Rosaspina seguendo il percorso musicale e con la musica come sottofondo, i bambini hanno successivamente riconosciuto le emozioni abbinate alle musiche. Successivamente i bambini, ascoltando soltanto la musica, raccontavano loro stessi cosa succedeva a quel preciso punto della storia, descrivendo dettagliatamente le emozioni presenti.

L’obiettivo specifico è allenare il bambino:

 

  • a sviluppare il canale sensoriale uditivo;
  • a sviluppare la capacità sinestesica del pensiero, cioè la capacità di associare due o più sfere sensoriali. In questo caso quella uditiva e quella visiva;
  • ad utilizzare tutti i canali sensoriali;
  • all’ascolto;
  • al riconoscimento del “tono emotivo” della musica;
  • ad utilizzare contemporaneamente l’emisfero destro e quello sinistro;
  • a passare da un linguaggio, sonoro-musicale, ad un altro, grafico-pittorico o cinestetico, allenando così il bambino a sviluppare tutti i canali sensoriali e i sistemi di rappresentazione della realtà.

 

G) II GIOCO-TEST®

 

Un gioco-test è un gioco strutturato in modo tale da permettere di fare un confronto tra le competenze emotive dei bambini prima dell’ intervento educativo e dopo. 

Se si sceglie di fare il gioco-test all’inizio e alla fine dell’ intervento, si ha la possibilità di:

 

  • valutare in termini più oggettivi gli effetti del tuo intervento sui bambini, andando al di là dei cosiddetti “occhi di mamma” (o di maestra);
  • ricavare suggerimenti su che cosa si può fare meglio o che cosa può essere considerato un punto di forza per l’allenamento emotivo.

 

In sintesi: i gioco-test servono per avere un feed-back il più possibile oggettivo sull’effetto che il percorso proposto ai bambini ha avuto sulle lorocompetenze emotive, dando la possibilità di verificare che cosa ha funzionato e che cosa può migliorare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PNL e I Progetti di For Mother Earth

PNL e I Progetti di For Mother Earth

 

I Progetti proposti per la Scuola dell’Infanzia e la Scuola Primaria sono suddivisi in due gruppi:

 

1) ALFABETIZZAZIONE EMOTIVA

Il gruppo è articolato in 4 Sezioni: “giocare con le emozioni”, “le emozioni attraverso le parole d’autore”,“educazione sessuale e intelligenza emotiva”, “educazione ambientale e intelligenza emotiva”.

 

2) SVILUPPO DELL’ INTELLIGENZA EMOTIVA

Il secondo gruppo è articolato in 2 Sezioni: “giocare con le emozioni” e “le emozioni attraverso le parole d’autore”.

 

I progetti destinati agli alunni, pur nella diversità di programmi e contenuti, hanno come obiettivo finale di un percorso pluriennale lo sviluppo:

 

  • della personalità, attraverso la presa di coscienza di sé, dei propri bisogni e dei mezzi espressivi;
  • dell’intelligenza emotiva, come consapevolezza delle proprie emozioni, capacità di riconoscimento in se stessi e negli altri delle emozioni di base e delle loro sfumature, che consente di dare alle emozioni il nome appropriato. Considerata ancora come comprensione delle situazioni o delle reazioni che producono i diversi stati emotivi ed uso delle abilità acquisite per costruire rapporti empatici;
  • della capacità creativa, attraverso il coinvolgimento in attività che prevedono l’uso di tutti i linguaggi e di più linguaggi contestualmente, la ricerca e la sperimentazione personale;
  • dell’intelligenza corporea, cinestetica, attraverso il coinvolgimento in attività che prevedono l’uso di tutto il corpo o di parti di esso;
  • dell’intelligenza interpersonale attraverso giochi che stimolano la comprensione degli altri e la collaborazione;
  • dell’autostima e della fiducia in se stessi;
  • delle competenze individuali nell’uso dei diversi linguaggi – corporeo, grafico/cromatico, sonoro/musicale, plastico, verbale.

 

In altre parole, lo sviluppo di quelle risorse umane fondamentali perché ogni bambino possa crescere in modo sano ed equilibrato e possa esprimere il meglio di sé, ponendo le premesse di un essere umano radicato nella realtà, collegato con la sua dimensione interiore, socialmente inserito e realizzato, consapevole e responsabile della propria vita. I singoli progetti possono essere considerati, sia come moduli in sé conclusi, sia come parte di un intervento pluriennale.

In entrambe i casi ogni progetto:

 

  • ha obiettivi specifici e prodotti finali diversi;
  • viene personalizzato, in modo da integrarsi, lì dove è possibile e per quanto è possibile, con il programma didattico annuale e in modo da adeguarsi ai bisogni della classe: le proposte indicano le tematiche di massima. Sono parimenti solo indicativi i prodotti finali, che potranno subire

modificazioni, se ritenute necessarie, per la realizzazione del progetto personalizzato.

sviluppa la capacità creativa degli insegnanti e degli educatori, attivandone spesso risorse nascoste o poco utilizzate, valorizzandone le competenze specifiche, nel pieno rispetto delle diversità e della libertà didattica;

può essere adattato a specifiche esigenze didattiche.

 

Qualora richiesto, i nuovi percorsi didattici possono essere costruiti secondo le necessità didattiche, di programmazione o di altra natura.

Seguono nel testo diversi esempi di progetti realizzati da Carmela Lo Presti e Barbara Quadernucci, in collaborazione con gli insegnanti di ruolo.

 

A) Progetto: Io sono… l’Albero

 

Le finalità di questo progetto sono quelle generali indicate precedentemente e nello specifico dell‘alfabetizzazione emotiva come: il riconoscimento/decoding delle emozioni di base; la produzione/encoding delle espressioni facciali e della postura delle emozioni di base; la contestualizzazione delle emozioni di base; l’acquisizione di competenze nell’uso di tutti i linguaggi.Inoltre, lo sviluppo della capacità di passare da un linguaggio ad un altro; lo sviluppo della capacità di usare il corpo, la parola e l’immagine per comunicare le proprie emozioni.

Il percorso didattico – interdisciplinare – procede attraverso un parallelo continuo tra il “seme” umano e quello dell’Albero. L’Educazione ambientale si intreccia, così, inizialmente, con l’Educazione sessuale su base affettiva ed emotiva, per proseguire poi con il rapporto albero-essere umano, mondo naturale-ambiente umano e sociale. 

Partendo sempre dall’informazione scientifica, strutturata in modo differente a seconda delle diverse fasce di età, si procede attraverso giochi simbolici di gruppo, in coppia ed individuali, che coinvolgono il corpo e ne sviluppano il linguaggio, alternandosi ad attività grafico-cromatiche, plastico-manipolative, sonoro-musicali, verbali – sia individuali che di gruppo – per l’acquisizione di competenze in tutti i linguaggi e un approccio multidisciplinare. Le tappe di questo percorso molto entusiasmante sono:

 

a) Nella “pancia” della mamma come il seme nella Terra;

b) Dalla “pancia” della mamma verso la luce;

c) Il seme nella Terra come il bimbo nella “pancia” della mamma;

d) Io sono….. l’Albero;

e) L’Albero visto con gli occhi di dentro;

f) Vedo con le orecchie;

g) Il simbolo dell’Albero nel viso e nel corpo;

h) I colori della Natura sono sfumati;

i) La bellezza della diversità di forme e colori;

l) Le maschere degli alberi;

m) Lo sai che gli alberi parlano?

n) Un Albero come amico.

 

B) Progetto: La bellissima Storia della mia nascita e delle mie emozioni

 

Le finalità di questo progetto sono: l’acquisizione della consapevolezza della bellezza, della sacralità e della positività del corpo; l’educazione ad un rapporto sano e positivo con il proprio corpo; l’educazione alla naturalezza della sessualità; il riconoscimento/decoding delle emozioni di base; la produzione/encoding delle espressioni facciali e della postura delle emozioni di base; la contestualizzazione delle emozioni di base; l’acquisizione di competenze nell’uso di tutti i linguaggi; lo sviluppo della capacità di passare da un linguaggio ad un altro; lo sviluppo della capacità di usare il corpo, la parola e l’immagine per comunicare le proprie emozioni.

 

La storia della nostra nascita è la storia delle nostre prime sensazioni/emozioni. Per imparare a comunicare agli altri le nostre sensazioni e le nostre emozioni è importante ricordare e capire quando e come abbiamo cominciato a sperimentare emozioni e sensazioni e quindi come siamo arrivati qui, come siamo nati. L’educazione sessuale è, infatti, innanzitutto educazione alla conoscenza di sé (Chi sono? Come sono fatto? Cosa provo, sento?), alla conoscenza delle proprie radici (Da dove vengo? Come sono arrivato qua?).

 

Questa consapevolezza facilita un incontro positivo, sereno e costruttivo con l’altro (in senso lato e ampio: con tutto ciò che io non sono; e in senso più ristretto: con l’altro, di sesso diverso dal mio) che è sempre un incontro emotivo/affettivo.

Partendo dall’informazione scientifica, strutturata in modo differente a seconda delle diverse fasce d’età, vengono proposti giochi simbolici corporei, che raccontano in modo divertente, coinvolgente e stimolante il percorso umano fino alla nascita, la comunicazione corporea  mammabambino, il vissuto emozionale del feto, alternati ad attività graficocromatiche, sonoro-musicali, plastico-manipolative, verbali, sia di gruppo che individuali.

 

Dalle "nascite" – i giochi di nascita sono più di uno – si procede poi all’incontro con gli altri e a quello che ci suscitano; all’ esplorazione di spazi grandi e piccoli ed ai nostri vissuti negli uni e negli altri; all’attenzione e al riconoscimento delle emozioni, in noi stessi e negli altri, che accompagnano costantemente la nostra vita; all’espressione delle emozioni, che continuamente proviamo proprio perché viviamo, attraverso tutti i linguaggi, verbali e non.

Tutto il percorso si avvale di giochi psicomotori che vedono impegnati i bambini individualmente e/o in gruppo.

 

C) Progetto: Il Corpo come strumento di comunicazione, conoscenza, socializzazione

 

Quando abbiamo imparato a comunicare con il corpo? Che cosa comunichiamo continuamente?

 

Per avere risposta a queste domande, attraverso giochi simbolici molto divertenti e coinvolgenti, il bambino ritorna alla sua prima esperienza di comunicazione corporea: quella nella pancia della sua mamma, e da lì arriva, sempre attraverso un percorso ludico, fino alla sua nascita, grazie alla quale adesso è in grado di manifestare il suo ricco mondo emozionale e di interagire con la realtà che lo circonda.

 

D) Progetto: Un Mondo di Emozioni

 

I pre-requisiti necessari per questo progetto sono l’aver partecipato ad uno dei percorsi di alfabetizzazione: "Il Gioco delle Emozioni" o "Il Corpo come strumento di comunicazione, conoscenza, socializzazione".

Gli obiettivi che si pone sono simili a quelli dei progetti precedenti, ma si richiede una maturità nell’allenamento emotivo che viene rafforzato attraverso questo percorso.

Alla base ci sono le emozioni, che devono essere catalogate sotto forma di gioco, come ad esempio:

 

Se le Emozioni avessero una casa….

 

– Le Famiglie delle emozioni.

– Vita in ….“famiglia” : come vivono le Emozioni.

– Colori, suoni, forme, gesti, comportamenti, parole delle emozioni.

– I giochi delle emozioni.

– Il Libro-Casa delle emozioni

 

E) Progetto: I Giochi delle Emozioni 2 – Riconoscere ed Esprimere le Emozioni per Raccontare

 

Anche in questo progetto le finalità e i prerequisiti sono gli stessi del progetto precedente. Si cerca di proporre l’abc delle Emozioni attraverso un percorso tutto da giocare per inventare storie da raccontare con il corpo, i colori, i suoni, individualmente e in gruppo.

 

F) Progetto: Se l’Emozione fosse…

 

Il Percorso segue questa struttura:

  1. partendo dalle "Carte dell’Emozioni" di base, si avvia un “Circle Time” sulle esperienze fatte dai bambini collegate all’ emozione che di volta in volta viene "pescata";
  2. si gioca poi, individualmente e in gruppo, il gioco “Se l’emozione fosse…”, prendendo in considerazione ogni volta un’emozione e traducendola nel linguaggio non verbale, che verrà richiesto dall’educatore;
  3. al linguaggio corporeo vengono collegati numerosi giochi psicomotori, individuali e di squadra, che completano il percorso, per sviluppare le competenze nell’uso dei linguaggi non verbali.

 

G) Progetto: Il Diario delle mie Emozioni

 

Il percorso (analoghe finalità ai precedenti) aiuta i bambini a focalizzare l’attenzione sulle esperienze quotidiane, piccole o grandi che siano, e sulle emozioni che vengono generate. Partendo da quanto già appreso sulle emozioni di base, si svilupperà la conoscenza di sé attraverso la tenuta di un diario emotivo che consentirà di:

 

  1. familiarizzare con le emozioni nelle loro diverse sfumature;
  2. osservare quali emozioni proviamo più frequentemente;
  3. prendere coscienza delle situazioni in cui, e/o in presenza di chi, proviamo determinante emozioni;
  4. affinare la capacità di contestualizzazione delle proprie emozioni;
  5. prendere coscienza delle reazioni degli altri alle nostre emozioni;
  6. utilizzare metafore e similitudini desunte dalla propria esperienza diretta e indiretta per raccontare e rappresentare le proprie emozioni.

 

H) Progetto: Dalle parole d’Autore o dalla Fiaba allo Spettacolo Sperimentale

 

I risultati che si vogliono raggiungere attraverso questa attività sono: sviluppare e affinare delle competenze in campo emotivo; sviluppare la capacità di immedesimarsi in una situazione/emozione, di entrare nei panni di un altro; scoprire il rapporto Pensiero-Emozione-Comportamento; fare acquisire la consapevolezza dell’universalità delle emozioni; sviluppare le competenze linguistiche in relazione alle emozioni; fare acquisire le competenze per tradurre le parole/emozioni d’Autore in Spettacolo, attraverso i linguaggi non verbali; attivare la motivazione e far nascere l’amore e il gusto per la lettura e per l’apprendimento interdisciplinare e multidisciplinare; sviluppare la disponibilità a "farsi vedere" attraverso il "Gioco dell’Attore”; promuovere il senso del gruppo e la collaborazione di gruppo; fare acquisire le competenze specifiche per la costruzione di un libro.

 

Il percorso si rivolge a bambini che hanno già imparato a riconoscere e ad esprimere attraverso il viso e il corpo, in modo consapevole, le emozioni di base e alcuni componenti delle rispettive famiglie. Il percorso didattico è così strutturato:

 

  1. ascolto della lettura recitata, del brano o sezione del libro d’autore o dell’ intera fiaba scelta, possibilmente in un luogo diverso dall’aula, magari la palestra, dove i bambini possano stare anche comodamente sdraiati per terra, senza scarpe, in relax, in modo da poter godere della lettura fine a se stessa, ad occhi chiusi prima, ad occhi aperti poi;
  2. socializzazione e verifica in gruppo della divisione in macrosequenze e dell’ individuazione e connotazione dei luoghi e dei personaggi;
  3. in gruppo si attua la divisione del testo in sequenze-emozioni, la ricerca nel testo delle parole o frasi chiave riguardanti il mondo emozionale dei personaggi;
  4. lingua ed emozioni: i sinonimi delle emozioni evidenziate;
  5. abbinamento emozione-colore;
  6. formazione dei gruppi attraverso la comunicazione inconscia, in perfetto silenzio: gruppo colonna sonora ed effetti sonori, gruppo scenografia, gruppo strutture plastiche ;
  7. trasformazione delle parole-emozioni in emozioni/suono, emozioni/colore, emozioni/plastico, con l’uso di ogni tipo di materiale, sia strutturato che di recupero;
  8. costruzione di diapositive con frammenti di gelatine colorate: emozione/luce-colore;
  9. le emozioni dei personaggi diventano “spettacolo sperimentale”, senza parole e senza prove;
  10. costruzione di un grande libro individuale, in cui ogni bambino ricostruisce il percorso realizzato nei gruppi, per esprimere in assoluta libertà di invenzione e di tecniche, il percorso emozionale del protagonista – con cui si è identificato – in modo autobiografico.

 

I) Progetto: Le paure dei bambini

 

Il percorso si rivolge a bambini che hanno già imparato a riconoscere e ad esprimere attraverso il viso e il corpo, in modo consapevole, le emozioni di base e alcuni componenti delle rispettive famiglie.

 

La paura di cose reali e definite, così come quella indefinita e vaga è, tra le emozioni negative, quella che maggiormente impedisce al bambino di avere curiosità, di sperimentarsi in attività nuove, di mettersi in gioco, di rischiare, di sbagliare o, con una sola parola, di crescere con serenità e in modo equilibrato in ogni ambito della sua vita. Il Percorso procede attraverso:

 

  1. l’ascolto attento e rispettoso di quanto i bambini definiscono paura, mai svalorizzata o banalizzata o peggio ancora ridicolizzata, e delle risorse/qualità ritenute necessarie per superare la paura, utilizzando la tecnica del “Circle Time”;
  2. l’informazione sulle emozioni in generale (cosa sono – come possono manifestarsi – sono provate da ogni essere umano indipendentemente dal sesso e dall’età …) e in particolare sulla paura (la paura è un’emozione naturale, che può rendere attenti e prudenti…. – quando è eccessiva o fuori di luogo può impedire di conoscere il mondo e di arricchirsi di esperienze utili e importanti… – i tipi di paura che si possono provare, attraverso quanto i bambini hanno raccontato – ecc.) tutte le volte che la situazione lo consente, in modo naturale;
  3. il racconto individuale di storie autobiografiche incentrate sulle proprie paure e il loro superamento, attraverso l’utilizzo di tutti i linguaggi;
  4. esercizi e giochi per superare le paure;
  5. giochi e prove per superare la paura del buio;
  6. la comunicazione e l’espressione della paura e delle emozioni che l’accompagnano, attraverso l’utilizzo di tutti i linguaggi;
  7. il gioco della metamorfosi della paura.

 

L) Progetto: Se mi arrabbio…

 

Quest’ attività vuole sviluppare le competenze linguistiche in relazione alla rabbia, nelle sue sfumature e gradi, acquisendo consapevolezza:

 

  1. sulla propria e sull’ altrui rabbia;
  2. sulle risorse necessarie per superare la rabbia;
  3. sulle alternative esistenti al comportamento socialmente inaccettabile connesso all’espressione della rabbia;
  4. che la rabbia e ogni altro tipo di emozione che crea disagio sono vissute anche dagli adulti e il provarle non comporta alcun giudizio negativo, in quanto nessuna emozione è giudicabile;
  5. che le emozioni e i comportamenti che da esse derivano sono due cose distinte e separate;
  6. che i comportamenti socialmente inaccettabili possono essere modificati e sostituiti con comportamenti efficaci ed accettati.

 

La rabbia è un’emozione che lascia, assai spesso, grandi sensi di colpa e comporta una diminuzione del senso di autostima, in quanto è condannata in maniera vistosa e spesso violenta – in tanti modi – dagli adulti, che non distinguono il più delle volte l’emozione dal comportamento, giudicando il bambino stesso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PNL: For Mother Earth

PNL: For Mother Earth

 

In questo capitolo descriverò il progetto portato avanti da Carmela Lo Presti e Barbara Quadernucci, professioniste impegnate nell’ambito della formazione infantile e della Programmazione Neurolinguistica da molti anni, che realizzano: corsi di formazione e aggiornamento professionale per insegnanti, educatori, genitori; percorsi didattici per le scuole, corsi per famiglie, adulti, adolescenti e bambini.

 

Ho avuto l’immenso piacere di intervistare Carmela Lo Presti e ho trovato in lei una donna che ha dedicato tutta la sua vita alla scuola, per vent’anni come professoressa di lettere nelle scuole medie e superiori ed ora come allenatrice e consulente esterna. Avendo conseguito il Diploma di practioner e di Master Practitioner in PNL e formandosi con Stefania Guerra Lisi, ideatrice della Metodologia della globalità dei linguaggi, ha deciso di integrare questi due metodi, mettendo a punto delle Tecniche per lo sviluppo dell’ intelligenza emotiva.

 

Nelle scuole di ogni ordine e grado, ha portato e porta una nuova metodologia educativa e progetti innovativi, come risultato della sua personale ricerca nel settore dello sviluppo dell’ intelligenza emotiva, dell’educazione alle emozioni e dell’educazione ambientale, riscuotendo consensi dagli utenti e dagli addetti ai lavori (dirigenti scolatici, insegnanti, genitori).

 

Lo Presti ha ideato e strutturato il Progetto FOR MOTHER EARTH®, che sta portando avanti insieme alla sua collaboratrice, educatori e Istituzioni, con l’obiettivo primario di sviluppare le risorse umane di adulti e bambini. 

Sviluppare cioè quel grande patrimonio di capacità e di intelligenze racchiuso in ogni essere umano, che ha bisogno di terreno (ambiente umano socio-culturale) e di concime (stimoli appropriati) per venire alla luce e diventare ricchezza disponibile per la collettività anche in funzione della salvaguardia del Pianeta.

 

Quando un bambino (e poi un adulto) non riesce ad esprimere e a sviluppare pienamente le sue potenzialità, la collettività tutta si impoverisce dell’unicità che egli rappresenta: ha perduto quelle risorse che non sono riuscite a fiorire, a diventare idee, azioni, relazioni, emozioni, espressioni creative e costruttive.

 

Lo sviluppo di queste capacità e di queste intelligenze avviene attraverso un processo lungo, che non si esaurisce nell’arco di un anno. E’ indispensabile, quindi, che esso proceda negli anni della scolarizzazione e fino alle scuole superiori, se consideriamo l’ambito scolastico; se invece consideriamo la vita dell’essere umano, lo sviluppo di queste capacità continua negli anni della maturità e della vecchiaia e contribuisce alla formazione di quella che siamo soliti chiamare saggezza, in quanto si tratta di un processo che riguarda l’essere umano in tutte le diverse fasi del suo sviluppo psichico.

 

E’ questo il motivo per cui FOR MOTHER EARTH si configura come Progetto pluriennale, sia a livello formativo scolastico e professionale, sia a livello della crescita personale. Come non è pensabile e non si pretende che un bambino impari a leggere correttamente e speditamente e a comprendere pienamente il senso di tutto ciò che legge in un solo anno, così non e’ pensabile, e non si può pretendere, che un bambino diventi emotivamente competente attraverso una sola esperienza educativa in tale direzione. Come l’apprendimento della lettura è un processo, analogamente è un processo acquisire la capacità di leggere e comprendere le proprie emozioni e quelle degli altri, che richiede allenamento continuo finché non diventa un’abilità automatica. 

 

E’ un processo che ha inizio con la nascita e dovrebbe entrare a far parte dei programmi scolastici, come percorso educativo trasversale, come base comune ad ogni disciplina, a partire dal nido e almeno fino al completamento della scuola dell’obbligo, dalla nascita alla prima adolescenza. Oggi questo è solo un augurio e un sogno, ma sarà certamente la realtà della scuola del nostro futuro. Attendere che questo desiderio diventi realtà, però, non basta. E’ necessario operare da subito, dentro e fuori della scuola, affinché maestri, insegnanti e genitori avviino consapevolmente un cambiamento nel sistema educativo italiano, partendo dalla realtà locale nella quale sono presenti, in modo che col tempo ciò che oggi avviene sporadicamente e in qualche isola felice, sia diffuso ad ogni livello della scuola e in modo sistematico e professionale.

 

L’analfabetismo emotivo è diffuso, infatti, nei bambini, nei ragazzi e nei giovani che studiano, a prescindere dal loro quoziente di intelligenza, nei giovani che lavorano e negli adulti, a prescindere dalla professione esercitata e dal livello culturale. D’altro canto, l’alfabetizzazione emotiva non è ancora un obiettivo della nostra società, come prova il fatto che nessuna campagna è stata ancora promossa con questa intenzione, diversamente da quanto invece viene realizzato per vincere l’analfabetismo tout court. Ma se non sono ancora maturi i tempi per una campagna sociale di massa che possa alfabetizzare emotivamente, sono ormai maturi i tempi :

 

  • perché questo processo si avvii, da subito e in maniera diffusa, nella realtà delle nostre scuole di ogni ordine e grado;
  • perché educatori, maestri, insegnanti e genitori comincino ad acquisire le competenze necessarie per insegnare ai bambini, fin dalla più tenera età, e agli adolescenti, a “leggere” e a “scrivere” le proprie emozioni, e a sviluppare quella abilità che predispone alla pace che è l’empatia, gettando così le basi per una umanità più sana.

 

Non sono necessarie, infatti, riforme o sperimentazioni fantascientifiche. Con l’avvio dell’autonomia nelle scuole, non solo tutto ciò è possibile, ma è addirittura sollecitato dal Ministero della Pubblica Istruzione.

 

Le Proposte Educative presentate sono il risultato di quindici anni di ricerca, sia teorica che esperienziale, con bambini dai due anni in su, con ragazzi e con giovani, con i loro insegnanti ed educatori, con genitori, con operatori sociali, con anziani. Tali proposte non hanno assolutamente la pretesa di risolvere tutti i problemi che i bambini, i ragazzi e i giovani vivono all’interno della Scuola o della famiglia. Ma ciò che propone For Mother Earth è, però, un contributo e uno strumento efficace per prevenire i disagi e i problemi che nascono:

 

  • dall’ ignoranza emotiva
  • dalla sfiducia in se stessi,
  • dalla mancanza di autostima,
  • dalla rigidità mentale,
  • dal mancato sviluppo della capacità creativa che costituisce “ una marcia in più nel trovare strade alternative ed efficaci per risolvere i problemi”.

 

Un contributo importante capace di facilitare il ristabilimento dell’equilibrio, laddove esistano già problemi che affondano le loro radici nella scarsa conoscenza di sé e degli altri.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PNL e Problem Solving

 PNL e Problem Solving

 

Un’altra strategia, che deve saper applicare l’educatore all’interno della classe, è quella del problem solving, ovvero la metodologia per affrontare un problema. Risulta essere una delle tecniche più delicate perché se ancorate e installate con successo nei bambini, può dare risultati straordinari, creando degli esseri umani in grado di riconoscere una difficoltà e affrontarla con abilità e destrezza.

Il problem solving permette di affrontare i motivi del proprio disagio, o di quello altrui, con un approccio metodico ed adeguato che aiuta a:

 

  1. definire con la massima precisione il problema, le sue conseguenze, analizzare cosa è stato già fatto per cercare di fargli fronte;
  2. valutare la situazione, le condizioni che influiscono su di essa, i vincoli e le potenzialità che esprime, quali sarebbero gli sviluppi più auspicabili;
  3. sviluppare ipotesi di comportamento per affrontare le difficoltà in oggetto;
  4. potenziare le capacità di prendere una decisione e di perseguire le scelte effettuate;
  5. verificare se i comportamenti che si mettono in atto sono effettivamente efficaci.

Thomas Gordon propone delle metodologie utili, sia per impostare una efficace relazione tra insegnante e allievo e tra allievi stessi, sia per gestire con sicurezza un problema o un conflitto che si viene a creare tra le parti.

I concetti chiave per il metodo Gordon, che viene fortemente sostenuto dalla PNL, sono due: l’ascolto attivo e il messaggio-io.

Per capire quando usare l’uno o l’altro metodo, l’insegnante dovrebbe immaginare di costruire un rettangolo, chiamato fenêtre, e porre i comportamenti accettabili in alto e quelli inaccettabili in basso. Tale soglia non è rigida, ma varia a seconda del tempo, del luogo e delle condizioni psicofisiche dell’insegnante.

Un comportamento accettabile, per esempio, in certe situazioni (chiacchiericcio dei ragazzi all’inizio mattinata) non lo è in altre (fine della giornata in cui tutti sono stanchi). Ci sono quindi comportamenti che l’insegnante accetta perché adeguati (collaborare, studiare, discutere..); altri che accetta perché non disturbano (isolarsi, distrarsi..); altri che non accetta perché impediscono un lavoro sereno (alzarsi in continuazione, picchiare i compagni, parlare durante le spiegazioni).

 

L’insegnante si dovrà chiedere: Di chi è il problema? 

 

Se il problema è dell’alunno, si interverrà usando l’ascolto attivo; se invece è un problema dell’insegnante, interverrà con il messaggio-io.

 

Quando gli alunni hanno un problema, di frequente gli insegnanti si intromettono cercando di aiutarli con dei buoni consigli, con dei suggerimenti tratti dalla loro stessa esperienza o invitandoli a riconoscere la realtà dei fatti e attenersi ad essa. Nonostante le buoni intenzioni, spesso questi tentativi creano più problemi di quanti ne risolvano o finiscono per bloccare la voglia di comunicare nel bambino.

Per non incorrere nel pericolo di reagire malamente, usando delle barriere che comunicano la non accettazione del problema dell’alunno (comandare, ammonire, criticare indagare, consolare, minimizzare…), Gordon consiglia la tecnica dell’ascolto attivo. Ascoltare una persona, infatti, aiuta a liberarla da ciò che la opprime facendole inoltre capire che è accettata con tutti i suoi problemi.

 

L’ascolto attivo prevede quattro momenti:

 

  1. l’ascolto passivo: permette all’alunno di esporre, senza essere interrotto, i propri problemi (prestare attenzione concreta e totale al bambino);
  2. messaggi d’accoglienza: informano il bambino che l’insegnante lo segue e lo ascolta, possono essere non verbali (costante contatto con gli occhi, un cenno con la testa, un sorriso..) o verbale (“ti ascolto”, “sto cercando di capirti”)
  3. inviti calorosi: incoraggiano il soggetto a continuare il discorso, ad approfondire quanto sta dicendo (“vuoi dirmi qualcosa di più?”, “ continua pure!”);
  4. ascolto attivo: l’insegnate riflette il messaggio del bambino, recependo solamente senza emettere messaggi personali o giudizi.

Questo metodo, oltre a lasciare all’alunno la piena gestione dei suoi problemi, evita fraintendimenti ed incomprensioni.

Quando, invece, l’insegnante ha di fronte un alunno che con il suo comportamento impedisce un lavoro tranquillo in classe, dovrà applicare, secondo Gordon, il metodo messaggio-io. Con questo metodo, l’insegnante mette a confronto i propri sentimenti e bisogni con il comportamento inaccettato dell’alunno, esprime cioè cosa prova quando il bambino compie un’azione che può provocare determinati effetti. I messaggi-io, a differenza dei messaggi-tu (“perché continui a disturbare”, “sei sempre disordinato”) esprimono un sentimento di chi parla, senza comunicare valutazioni sull’alunno che compie l’azione, ponendolo di fronte agli effetti del suo atto e ai sentimenti che provoca negli altri.

 

Il metodo messaggio-io consta di tre momenti:

 

  • descrizione senza giudizio;
  • effetto tangibile e concreto;
  • reazione agli effetti.

 

L’insegnante non userà più, quindi, “tu sei…” ma “io sento…”.

Il bambino sentirà che gli comunica il suo vissuto personale con autenticità ed onestà, senza assumere atteggiamenti di difesa.

Se Gordon indirizza il suo lavoro all’insegnante e al cambiamento del suo metodo rispetto ai bambini, Linda Lloyd propone delle strategie rivolte a migliorare l’atteggiamento con il quale il bambino si accosta al problema.

Alla base di qualsiasi tecnica c’è il desiderio di insegnare loro che il problema può essere un’occasione per migliorarsi e confrontarsi con altri punti di vista.

Attraverso semplici giochi ed esercizi, il bambino lentamente si abitua ad un nuovo comportamento basato su un atteggiamento essenzialmente positivo: se il soggetto costantemente ripete il comportamento, a lungo andare diventa un programma mentale che viene messo in atto automaticamente.

 

Tra i giochi, ad esempio, uno che risulta particolarmente idoneo per sviluppare l’autocontrollo e l’autogestione è quello di costruire una scatola all’interno della quale i bambini, idealmente, vi inseriscono le loro problematiche giornaliere, invitandoli a scindere tra il problema e lo stato d’animo che esso genera. L’insegnante, attraverso il riconoscimento delle emozioni negative e l’accettazione di esse, aiuta i bambini a modificare la situazione emotiva, e perciò a vedere il problema da un altro punto di vista.

 

Un ulteriore esercizio consiste nella realizzazione di due disegni, uno rappresentante un panorama malinconico, l’altro festoso e sereno.

L’utilizzo dei colori sarà, sicuramente, il tratto caratterizzante dei disegni; l’insegnante, per stimolare anche nei bambini più piccoli, la predisposizione al cambiamento, li invita ad intervenire sui colori, modificandone i toni: il panorama malinconico, se inizia a tingersi di colori vivaci, può assumere un aspetto diverso.

Creare nel bambino delle immagini visive efficaci per dimostrare la possibilità di incidere sul problema semplicemente modificandone le tonalità, risulta essere la via vincente.

 

La PNL lavora sull’atteggiamento, cercando però di individuare le emozioni che lo provocano; solo così facendo si può essere consapevoli di se stessi e in grado di gestire le grandi e piccole difficoltà.