Predittività del rendimento al primo anno sul rendimento accademico degli anni successivi

Vista la scarsa predittività della prova di selezione sul rendimento accademico e l’andamento caratteristico degli studenti secondo l’esito più o meno positivo del loro corso di studi (figure 5.5-5.7), si è voluto verificare se i risultati ottenuti al primo anno potessero essere predittivi dell’andamento negli anni successivi.                                                
 

Figura 5.5 Voto medio complessivo e per anno di corso, di laureati in corso, fuori corso e di non            laureati.[fonte: Pinelli, Pelosi, Michelini e Tonarelli, 2009]

A tal scopo, si è utilizzato un modello di regressione lineare multipla a passi, inserendo come predittori: la media voto ottenuta agli esami del primo anno, il numero di esami sostenuti al primo anno, la proporzione di crediti ottenuti al primo anno, e come criterio, la media voto complessiva, il numero di esami sostenuti e la proporzione di crediti ottenuti negli anni successivi al primo. Analogamente a quanto effettuato per la prova di ingresso, si è valutata la produttività sulla conclusione del percorso accademico, usando come criteri il tempo intercorso tra l’immatricolazione e la Laurea, ed il voto di Laurea. 
                                   

                                        
Figura 5.6 Numero esami sostenuti nei tre gruppi.                 
[fonte: Pinelli, Pelosi, Michelini e Tonarelli, 2009]
 

Figura 5.7 Media della proporzione crediti ottenuta nei tre anni, dai tre gruppi.
[fonte: Pinelli, Pelosi, Michelini e Tonarelli, 2009]
 
Come si pu  osservare nella Tabella 5.8, le percentuali di varianza predetta sono più soddisfacenti: dal 42% sul tempo impiegato dagli studenti a laurearsi, al 64% sulla proporzione di crediti ottenuti/totali.

 
Regressione lineare per passi. Criteri: probabilità di inserimento F <= ,050; probabilità di rimozione F>= ,100).         

Tabella 5.8 Predittori: media voto I anno, numero esami I anno, Proporzione crediti I anno.
Regressione lineare per passi. Criteri: probabilità di inserimento F <= ,050; probabilità di rimozione F >= ,100. [fonte: Pinelli, Pelosi, Michelini e Tonarelli, 2009] 
 
 
 
 

 

© I predittori della performance accademica  - Laura Foschi
 
 

 

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici e clicca su "Condividi".

AREA CONSULENZA

AREA CONSULENZA

DEDICATO A IMPRENDITORI E PROFESSIONISTI
 

Ti mettiamo in contatto con consulenti e psicologi del lavoro per aiutarti ad affrontare, gestire e superare le criticità. Clicca QUI

Case History

Articoli su alcuni degli interventi da noi effettuati in aziende e che hanno portato risultati significativi.
 
- Relazione tra reparti
- Selezione e Inserimento
- Relazioni interne
- Riorganizzazione

CONTATTACI ...

SEI UN IMPRENDITORE ?
SEI UN PROFESSIONISTA ?

Nella tua attività ci sono problemi di:

- relazione
- benessere organizzativo
- clima aziendale
-
valutazione delle risorse umane
-
valutazione del potenziale
- performance aziendali

Psicologiadellavoro ti può aiutare.

Scrivi a info@psicologiadellavoro.org

 

 

Eventi Formativi


La Comunicazione Non Verbale

E' online il corso
in e-learning

 


 


La PNL nella pratica clinica e nel mondo del Lavoro
 
Chiedi informazioni a:
info@scuolaformazionepsicologia.it

Guarda anche qui

Newsletter

E' uscita la Newsletter di Settembre 2017

La vuoi ricevere ?

REGISTRATI, è gratis!

 

Login utente
Cerca
Traduci la pagina