Intelligenza Emotiva: Tristezza

Per prima cosa, si è trovato un effetto principale del Feedback sulla Tristezza sentita dai partecipanti durante il compito, F (1,59) = 7,814, p = .007, ή2p = .117. In particolare, quest’interazione ha mostrato una tristezza generale più alta nella condizione di feedback negativo, M = 4,37, DS = 1,91, rispetto alla condizione di feedback positivo,

M = 2,83, DS = 1,39. Inoltre, è emerso un effetto interazione Ripetizione X Feedback, F (5,145) = 14,903,  p < .001, ή2p = .202, che ha mostrato due differenti trend nella tristezza provata dai partecipanti nelle due diverse condizioni. Infatti, mentre nella condizione di feedback positivo la tristezza calava (vedi Figura 3), nella condizione di feedback negativo aumentava (vedi Figura 4).
         

 
Figura 3: Differenti livelli di tristezza dei partecipanti con alta e bassa IE di tratto in risposta al feedback positivo
         
 

Figura 4: Differenti livelli di tristezza dei partecipanti con alta e bassa IE di tratto in risposta al feedback negativo
 
 
Inoltre, è emerso un effetto di interazione Blocchi X Feedback X IE di tratto, F (5,295)
= 3,854,  p < .001, ή2p = .061.

Per esplorare questo effetto di interazione sono state fatte due ANOVA separate, una per ognuna delle due condizioni sperimentali. Nella condizione di feedback negativo, è stato trovato solo un effetto Ripetizione, F (5,145) = 6,525,  p < .001, ή2p = .184, che ha mostrato nuovamente un crescente sentimento di tristezza nel passaggio da un blocco all’altro.

Questo effetto era indipendente dall’IE di tratto. Nella condizione di feedback positivo, invece, sono stati trovati sia un effetto dovuto ai Blocchi, F (5,150) = 10,827,  p < .001, ή2p = .265, sia un effetto Blocchi X IE di tratto, F (5,150) = 5,412,  p < .001, ή2p = .153.

Questa interazione mostra che la tristezza dei partecipanti con alta IE di tratto era meno influenzata dal feedback di quanto non fosse quella dei partecipanti con bassa IE di tratto (Figura 3b).

In questi ultimi, in particolare, emerge un calo della tristezza significativo nel passaggio dalla misura riportata prima che il compito avesse inizio e quella successiva al primo blocco, t(12) = 4,064, p = .002, d = 2,35, e tra il secondo ed il terzo blocco, t(12) = 2,441, p = .031, d = 1,41.  
 
 
 
 
 
 
 

  

Intelligenza emotiva e altruismo: effetto di ripetuti successi ed insuccessi nel comportamento d’aiuto -  © Andrea Righi
 
 
 

 

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici e clicca su "Condividi".

AREA CONSULENZA

AREA CONSULENZA

DEDICATO A IMPRENDITORI E PROFESSIONISTI
 

Ti mettiamo in contatto con consulenti e psicologi del lavoro per aiutarti ad affrontare, gestire e superare le criticità. Clicca QUI

Case History

Articoli su alcuni degli interventi da noi effettuati in aziende e che hanno portato risultati significativi.
 
- Relazione tra reparti
- Selezione e Inserimento
- Relazioni interne
- Riorganizzazione

CONTATTACI ...

SEI UN IMPRENDITORE ?
SEI UN PROFESSIONISTA ?

Nella tua attività ci sono problemi di:

- relazione
- benessere organizzativo
- clima aziendale
-
valutazione delle risorse umane
-
valutazione del potenziale
- performance aziendali

Psicologiadellavoro ti può aiutare.

Scrivi a info@psicologiadellavoro.org

 

 

Eventi Formativi


La Comunicazione Non Verbale

E' online il corso
in e-learning

 


 


La PNL nella pratica clinica e nel mondo del Lavoro
 
Chiedi informazioni a:
info@scuolaformazionepsicologia.it

Guarda anche qui

Newsletter

E' uscita la Newsletter di Settembre 2017

La vuoi ricevere ?

REGISTRATI, è gratis!

 

Login utente
Cerca
Traduci la pagina